Definizione di: Ermeneutica | Concetto, significato e che cosa è: Ermeneutica


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

L'ermeneutica è l'arte dell'interpretazione dei testi e, in particolare, i testi sacri. Nella filosofia di Hans-Georg Gadamer, ermeneutica è che la teoria della verità e metodo esprime l'universalizzazione del fenomeno interpretativo dalla storicità concreta e personale.
Pertanto, è necessario distinguere tra ermeneutica filologica (Nato a Alessandria per stabilire il senso autentico dei testi antichi), ermeneutica biblica (è sorto nei secoli 17 e 18 per un'interpretazione corretta, obiettiva e comprensibile della Bibbia) ed ermeneutica filosofica (che è indipendente dalla lingua e che è stato progettato per determinare le condizioni trascendentali di qualsiasi interpretazione).
Christian Theology può essere all'origine degli studi ermeneutici, nella misura in cui fa una distinzione tra due diversi significati della Bibbia: il valore letterale e quello spirituale, che, a sua volta, può essere anagogico, allegorico o morale.
Il significato letterale della Bibbia è il senso attraverso le parole della scrittura, scoperto dall'esegesi filologica, che è conforme alle regole della corretta interpretazione.
D'altra parte, il senso spirituale è infusa da Dio sull'uomo, dando un significato religioso supplementare ai segni. Può fare la differenza tra il significato allegorico (in modo che i cristiani acquisire una più profonda comprensione degli eventi. Se, ad esempio: l'attraversamento del mar rosso simboleggia la vittoria di Gesù Cristo e il battesimo), significato morale (le vicende raccontate nelle scritture possono portare la persona ad agire abbastanza) e senso anagogico o mistico (i santi possono vedere realtà ed eventi di rilevanza eterna).
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.