Passa ai contenuti principali

Biografia di Aristotele | Scienziati famosi.

Quando si parla di filosofia, il primo nome che viene in mente è che viviamo in di Aristotele (384 BC - 322 A.C.) che seguivano un sistema globale di idee circa la natura umana e la natura della realtà.

Primi anni di vita e contributi:

Uno dei nomi di spicco della storia, questo famoso personaggio era un filosofo greco, nacque a Stagira nella Grecia del Nord, il figlio di Nichomachus, il medico di corte della famiglia reale macedone. Egli è stato addestrato in primo luogo in medicina e poi nel 367BC fu inviato ad Atene per studiare filosofia con Platone. Rimase all'Accademia di Platone fino a circa 347. È stato anche sotto la supervisione di Alexander il grande.
Aristotele è una delle più importanti figure fondanti nel suo tempo come i suoi scritti costituiscono una prima a creare un vasto sistema della filosofia occidentale, che comprende morale ed estetica, logica e scienza, politica e metafisica. Oltre a questo sua opera comprende anche altri soggetti, tra cui fisica, poesia, teatro, musica, retorica, governo ed etica.
Anche se un allievo brillante, Aristotele oppone alcuni insegnamenti di Platone, e quando morì, Platone, Aristotele non è stato nominato capo dell'Accademia. Dopo aver lasciato Atene, Aristotele trascorso qualche tempo in viaggio e possibilmente studiando biologia, in Asia minore e le sue isole. Tornò in Macedonia nel 338 a tutor Alexander il grande, dopo Alexander conquistato Atene, Aristotele torna ad Atene e fondò una scuola propria, conosciuto come il liceo. Dopo la morte di Alessandro, Atene si è rivoltato contro il dominio macedone e situazione politica di Aristotele è diventato instabile. Pertanto per tenere lontano da essere messo a morte, si rifugiò all'isola di Eubea, dove morì poco dopo.

Legacy:

Ora, parlando di lavoro e le realizzazioni di Aristotele, egli era molto versatile e sue opinioni sulle scienze fisiche profondamente modellata medievale borsa di studio e la loro influenza estesa bene nel Rinascimento, anche se in definitiva furono sostituiti da fisica newtoniana. Nelle scienze biologiche, alcune delle sue osservazioni sono stati confermati per essere precisi, solo per un paio di volte. Le sue opere contengono più presto noto studio formale della logica, che fu incorporata nel tardo XIX secolo nella logica convenzionale moderna. Un resoconto completo dei contributi di Aristotele alla filosofia e scienza è oltre la portata di questa mostra, ma può essere fatto un breve riassunto, considerando che insegnante di Aristotele Platone aveva trova la realtà ultima in idee o forme eterne, conoscibile solo attraverso la riflessione e la ragione, ma d'altra parte Aristotele visto finale autenticità nella materia fisica, prevedibile attraverso l'esperienza.
Materia ha il potenziale di assumere qualsiasi forma gli dà uno scultore e un seme o embrione ha il potenziale per crescere in una pianta vivente o forma animale. In creature viventi, la forma era conosciuta con l'anima, piante avevano i generi più bassi delle anime, gli animali hanno avuti anime superiore che potevano sentire ed esseri umani da solo avevano razionali, anime di ragionamento. A sua volta, gli animali potrebbero essere classificati dal loro modo di vita, le loro azioni, o, cosa più importante, di loro parti.
Se opera di Aristotele in zoologia non era senza difetti, fu la più grandiosa sintesi biologica del tempo e rimase l'autorità vitale per molti secoli dopo la sua morte. Le sue osservazioni sull'anatomia di polpi, seppie, crostacei e molti altri invertebrati marini sono estremamente corrette, con risultati sorprendenti. Ha descritto lo sviluppo embriologico di un pulcino e distinto di balene e delfini da pesce, oltre a ha anche notato che alcuni squali partoriscono per vivere giovane. Libri di Aristotele anche discutono le sue dettagliate osservazioni che ha fatto tutta la sua vita.
Tutti noi abbiamo incontrato la classificazione degli animali in diverse tipologie e i lettori saranno sorpresi di sapere che la classificazione di Aristotele di animali raggruppati è utilizzato in senso molto più ampio di biologi attuali utilizzano. Ha diviso gli animali in due tipi, quelli con il sangue e quelli senza sangue (o almeno senza rosso sangue). Queste distinzioni corrispondono strettamente alla nostra distinzione tra vertebrati e invertebrati. Gli animali a sangue, corrispondente ai vertebrati, considerando che gli animali senza spargimento di sangue sono stati classificati come cefalopodi (come il polpo), crostacei, insetti, animali sgusciati e Zoofiti conosciuto anche come pianta-animali.
Pensieri di Aristotele sulle scienze della terra possono essere trovati nella sua tesi di meteorologia, la parola significa oggi lo studio del meteo, ma Aristotele ha usato la parola in un senso molto più ampio, che copre, come diceva lui, "tutti gli affetti possiamo chiamare comune per aria e acqua e i tipi e parti della terra." e le affezioni delle sue parti In esso ha discusso la natura della terra e degli oceani e spiegato l'intero ciclo idrologico. Il sole lo spostamento come esso non consente di impostare processi di cambiamento, e dalla sua agenzia l'acqua più bella e più dolce è ogni giorno portato fino ed è dissolto in vapore e si erge nella regione superiore, dove si condensa nuovamente dal freddo e quindi restituisce alla terra.
Egli ha inoltre discusso venti, terremoti, tuoni, fulmini, arcobaleni, meteore, comete e la Via Lattea. Aristotele era del parere che il processo intero vitale della terra avviene così gradualmente e in periodi di tempo che sono così immensi rispetto con la lunghezza della nostra vita che questi cambiamenti non sono osservati, e prima di loro corso possono essere registrati dall'inizio alla fine tutto nazioni die e sono rovinato.
Nella metafisica, aristotelismo ha avuto una profonda influenza sul pensiero filosofico e teologico nella tradizione islamica ed ebraica nel Medioevo, e continua ad influenzare la teologia cristiana e la tradizione scolastica della Chiesa cattolica. Suoi seguaci chiamavano Ille Philosophus (il filosofo), o "il maestro di loro che sanno", e molti hanno accettato ogni parola delle sue scritture, o almeno ogni parola che non hanno contraddetto la Bibbia come verità eterna. Tutti gli aspetti della filosofia di Aristotele continuano ad essere l'oggetto di studio accademico attivo oggi.
Nonostante l'appello di vasta portata che tradizionalmente hanno goduto di opere di Aristotele, oggi studiosi moderni domande una parte considerevole della quantità aristotelica come genuinamente di Aristotele proprio. Aristotele dice di avere scritto 150 trattati filosofici. I 30 che sopravvivono tocco su una vasta gamma di problemi filosofici, dalla biologia e fisica alla morale all'estetica alla politica. Anche se Aristotele ha scritto molti trattati di elegante e dialoghi, si pensa che la maggior parte dei suoi scritti è ora perso e solo circa un terzo delle opere originali hanno sopportare, ma qualunque cosa è durato è ancora una fonte di ispirazione per i discenti e continuerà ad essere.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…