Passa ai contenuti principali

Upanishad | L'origine e la storia.

da Cristian Violatti
clip_image020
Le Upanishad sono una raccolta di testi di natura religiosa e filosofica, scritto in India probabilmente tra il c. 800 A.C. e c. 500 A.C., durante un tempo quando la società indiana ha iniziato a mettere in discussione l'ordine religiosa vedica tradizionale. Alcune persone durante questo tempo ha deciso di impegnarsi nel perseguimento del progresso spirituale, vivendo come eremiti ascetici, respingendo preoccupazioni materiali ordinari e rinunciare alla vita familiare. Alcuni di loro speculazioni e la filosofia sono stati compilati in Upanishad. C'è un tentativo in questi testi a spostare l'attenzione della vita religiosa da esterni riti e sacrifici per missioni interne spirituale nella ricerca di risposte.
Etimologicamente, il nome Upanishad è composto di termini upa (vicino) e shad (per sedersi), che significa qualcosa come "sedersi vicino". Il nome si ispira l'azione della seduta ai piedi di un maestro illuminato per impegnarsi in una sessione di istruzioni spirituali, come aspiranti ancora fanno in India oggi.
I libri, poi, contengono i pensieri e le intuizioni di importanti figure spirituali indiane. Anche se parliamo di loro insieme come un corpo di testi, Upanishad non sono parti di un tutto, come capitoli di un libro. Ognuno di loro è completo in sé. Pertanto, essi rappresentano non una filosofia coerenza o visione del mondo, ma piuttosto le esperienze, opinioni e lezioni di molti diversi uomini e donne.

Temi & contenuti

Anche se ci sono più di 200 sopravvissuti Upanishad, soltanto 14 sono considerati più importanti. I nomi di queste Upaniṣad sono: Isa, Kena, Katha, Prasna, Mundaka, Mandukya, Taittirīya, Aitareya, Chandogya, Brhadaranyaka, Svetasvatara, Kausitaki, Mahanarayana e il Maitri.
Questi testi forniscono la fonte principale per molti importanti argomenti della filosofia indiana e tutti i principali temi filosofici sono coperti nelle loro pagine. In generale essi rimanere neutrale tra concorrenti interpretazioni e tentano di integrare la maggior parte delle viste opposte per quanto riguarda questioni filosofiche e spirituali.
Quando una persona raggiunge moksha (liberazione), loro atman (self) restituisce al Brahman (la fonte), come una goccia d'acqua di ritorno verso l'oceano.
Lo scopo non è tanto istruzione come fonte di ispirazione: sono destinate ad essere esposta da un insegnante illuminato dalla base dell'esperienza personale. Infatti, una delle prime lezioni che impariamo a Upanishad è l'inadeguatezza dell'intelletto. Intelletto umano non è uno strumento adeguato per capire l'immensa complessità della realtà. Le Upanishad non pretendiamo che il nostro cervello è tutto inutile; ha certamente il suo utilizzo. Tuttavia, quando viene utilizzato per sbloccare i grandi misteri della vita, l'Eterno, l'infinito, quindi è semplicemente non abbastanza. La comprensione più alta, secondo questa visione, arriva dall'intuizione e percezione diretta.

Principi di base

Anche se le Upanishad non offre un unico sistema globale del pensiero, si sviluppano alcuni principi generali. Alcuni di questi principi sono samsara, il karma, dharma e moksha. Questi principi costituiscono uno schema metafisico che era condiviso con diverse regolazioni effettuate dalle religioni più indiane e filosofi.
Il concetto di Samsara è la reincarnazione, l'idea che dopo moriamo la nostra anima sarà rinato nuovamente in un altro corpo. Forse un animale, forse come un essere umano, forse come un Dio, ma sempre in un normale ciclo di morti e resurrezioni.
Un altro concetto è Karma, che letteralmente significa "azione", l'idea che tutte le azioni hanno conseguenze, buone o cattive. Karma determina le condizioni della vita successiva, proprio come la nostra vita è condizionata dal nostro karma precedente. Non non c'è nessun giudizio o perdono, semplicemente una legge impersonale, naturale ed eterna di funzionamento dell'universo. Coloro che fare del bene sarà rinati in condizioni migliori, mentre coloro che sono il male sarà rinati in condizioni peggiori.
Dharma significa "giusto comportamento" o "dovere", l'idea che tutti noi abbiamo un obbligo sociale. Ogni membro di una casta specifica ha un particolare insieme di responsabilità, un dharma. Ad esempio, tra il Kshatriyas (la casta dei guerrieri), è stato considerato un peccato morire nel letto; morire nel campo di battaglia, è stato il più alto onore che potrebbe puntare. In altre parole, dharma incoraggiato le persone dei diversi gruppi sociali di esercitare le loro funzioni il meglio che potevano.
Moksha significa "liberazione" o rilascio. L'eterno ciclo della morte e della Resurrezione può essere visto come una ripetizione inutile con nessun obiettivo finale collegato ad esso. Alla ricerca di una pace permanente o liberazione dalla sofferenza sembra impossibile, per prima o poi ci sarà rinati nelle peggiori circostanze. Moksha è la liberazione da questo ciclo senza fine della reincarnazione, un modo per sfuggire questa ripetizione. Ma cosa significherebbe per sfuggire da questo ciclo? Che cos'è che attende l'anima che riesce a essere rilasciato dal samsara? Per rispondere a questa domanda che abbiamo bisogno di esaminare il concetto di atman e Brahman.
Le Upanishad ci dicono che il nucleo della nostra auto non è il corpo o la mente, ma atman o "Self". Atman è il nucleo di tutte le creature, loro intima essenza. Può essere percepito solo per esperienza diretta attraverso la meditazione. È quando siamo al livello più profondo della nostra esistenza.
Brahman è una sostanza sottostante dell'universo, l'immutabile "assoluto", l'essenza intangibile dell'intera esistenza. È il seme eterno e immutabile che crea e sostiene tutto. È oltre ogni descrizione e comprensione intellettuale.
Una delle grandi intuizioni delle Upanishad è che atman e Brahman sono fatti della stessa sostanza. Quando una persona raggiunge moksha o liberazione, atman torna al Brahman, all'origine, come una goccia d'acqua di ritorno verso l'oceano. Le Upanishad sostengono che è un'illusione che siamo tutti separati: con questa realizzazione, possiamo essere liberati dall'ego, dalla reincarnazione e dalla sofferenza sperimentiamo nel corso della nostra esistenza. Moksha, in un certo senso, significa essere riassorbito nel Brahman, nella grande anima del mondo.
Il passaggio seguente spiega in termini metaforici l'idea che l'atman e Brahman sono gli stessi:
Come lo stesso fuoco assume forme diverse
Quando si consuma oggetti diversi per forma,
Così fa quello che self prendono la forma
Di ogni creatura in cui egli è presente.
(Katha Upanishad rispettate)
Come si ottiene la moksha? Ci sono molti modi secondo le Upanishad: meditazione, introspezione e anche dalla conoscenza che dietro tutte le forme e Veli soggettivi ed oggettivi sono uno, che siamo tutti parte del tutto. In generale, le Upanishad d'accordo sull'idea che gli uomini sono naturalmente ignoranti circa l'identità finale tra atman, lo sé all'interno e Brahman. Uno degli obiettivi della meditazione è di raggiungere questa identificazione con Brahman e abbandonare l'ignoranza che nasce dall'identificazione con la natura illusoria o quasi illusoria del mondo buonsenso.
Nella famosa Chandogya Upanishad, troviamo la storia di Uddalaka e suo figlio Shvetaketu. A un certo punto Shvetaketu è andato a studiare i veda e restituito alla sua famiglia dopo dodici anni, molto orgoglioso di quello che aveva imparato, forse anche un po' arrogante. Uddalaka chiede a suo figlio se ha acquisito la saggezza che gli permette di ascoltare l'inaudito, per percepire ciò che è impercettibile, di conoscere l'ignoto. Shvetaketu non ha idea che cosa gli viene chiesto, così suo padre si avvale di una serie di metafore per illuminare il suo figlio:
Come i fiumi che scorrono a est e ovest
Immettersi in mare e diventare uno con esso,
Dimenticando erano fiumi separati,
Così i tutte le creature perdono la loro separatezza
Quando si fondono finalmente in puro essere.
Non c'è niente che non proviene da lui.
Di tutto è lo sé più profondo.
Egli è la verità; Egli è il supremo sè.
Tu sei quello Shvetaketu, che sei.
(Chandogya Upanishad IV.10.1-3)

Eredità

Questi schemi di metafisici del samsara, il karma, dharma e moksha presentato in Upanishad sono in una certa misura ha condiviso dalle religioni più indiane, tra cui l'Induismo, Giainismo e il buddismo. Questi concetti fanno parte del trucco cultura della società indiana. Ciò è particolarmente interessante nel caso di Buddismo: nonostante il fatto che il Buddha originariamente rimasto indifferente alle speculazioni metafisiche, molte scuole buddiste hanno adottato questo schema come parte della loro metafisica.
A differenza dei veda, che presentano i rituali relativi a una lingua specifica, messaggio degli Upanishad tenta di essere universale. In India, questi testi sono considerati ancora oggi come altamente come erano in passato e hanno giocato un ruolo importante nel plasmare la cultura indiana.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…