Passa ai contenuti principali

Biografia di Valentino Rossi | Uno dei migliori piloti della storia del motociclismo.

Per il suo dominio incontrastato lo spostamento massimo è considerato uno dei migliori piloti della storia del motociclismo.
Da quando il campionato del mondo ha acquisito rilevanza nei mid-1970s, la categoria regina del motociclismo, i 500 centimetri cubici, era stato, con poche eccezioni, preservare dei piloti americani e australiani. Per questo motivo e per la sua gioventù (aveva solo ventidue anni), il trionfo del pilota italiano motociclista Valentino Rossi nel 2001 Campionato del mondo ha acquisito particolare rilevanza.

Valentino Rossi
Dopo aver conquistato il titolo nelle categorie 125 e 250 centimetri cubici, Rossi, nella sua seconda stagione nella massima categoria, disarcionato tutti i favoriti e il 14 ottobre 2001 è stato proclamato campione del mondo con certezza indiscutibile. Poiché allora egli ha stato raccolta uno trionfo dopo l'altro, spruzzatura record storico in modo tale che, anche senza aver completato la sua carriera, già si siede lui tra i migliori piloti della storia del motociclismo, accanto a figure mitiche come Giacomo Agostini e Angel Nieto.
Valentino Rossi è Nato il 16 febbraio 1979 nella città italiana di Urbino, Pesaro. È l'unico figlio del popolare ex pilota Graziano Rossi, che ha vinto il Gran Premio dei Paesi Bassi nel 1979 con un rudimentale Mobirelli 250, in una stagione che era terza nel mondo. Il padre ha mandato la sua passione del figlio per il motociclismo e non ci è voluto lungo per gli studenti a superare più del suo padrone.
Anche così, Graziano non lo ha portato a competere, perché non era desideroso che suo figlio era il campione che non potrebbe essere. Ma il piccolo Rossi ha mostrato presto alcune doti innate per la guida dei motocicli. Solo undici anni, ha giocato la sua prima gara con una minimoto (bici della tasca). Non vincere, ma la sua carriera di pilota ha cominciato in quel momento.
Dopo aver gareggiato nel 1992 alle gare locali e nel campionato regionale, nel 1993 ha debuttato, con una Cagiva, in Italia Campionato Sport Production, in 125 centimetri cubici, finendo dodicesimo. L'anno seguente divenne campione. Di conseguenza che è stato ingaggiato dallo Sandroni-Aprilia team, che nel 1995 ha vinto il titolo di campione d'Italia di 125 centimetri cubici. Fu anche terzo nel campionato europeo della stessa categoria.
Quel ragazzo ha avuto una sensibilità per le moto, guida con una naturalezza e una sconcertante di incoscienza anche per compiuto professionisti. Inoltre, ha indossato e continua un ritmo e uno stile di vita non idonei da un professionista. È in grado di ottenere tutta la notte, non dormire, derivano in griglia di partenza, come se si erano riposato e vincere.
nel mondo
Il giovane Rossi ha debuttato in Coppa del mondo il 13 marzo 1996 con un'Aprilia, nel Gran Premio della Malesia, dove ha conseguito la sesta posizione. Ha finito nono alla fine della stagione, ma già attirò l'attenzione di esperti e dilettanti, perché aveva solo diciassette anni e pesava solo 50 chili. Ancora quella stagione fu quarta nel Gran Premio di Spagna e l'Italia e ha vinto il suo primo podio come terzo nel Gran Premio d'Austria, il 4 agosto, per, infine, vincere in Repubblica Ceca.
Nel 1997 è stato presentato già come una giovane promessa che è stata rispettata. Ma era più che una promessa. Era un pilota senza limiti. Un giovane arrogante che ha vinto il mondo campionato 125 cc con un'autorità di un insulto per i rivali più cospicui: 11 vince in altri tanti fantastici premi, un secondo e un terzo, che è venuto su tredici volte sul podio. Aveva diciotto anni.

Una delle loro celebrazioni gioviale
La categoria era piccola, così nel 1998 saltato per la di 250 centimetri cubici, quale suo futuro rivale in 500, Max Biaggi, vinse quattro titoli consecutivi. Quella stagione Biaggi fece il suo debutto in 500, 250 Rossi mantenendo un'aspra lotta con altri già consacrata connazionale Loris Capirossi, che è diventato campione. Rossi, esordiente, è già arrivato secondo, dopo aver vinto cinque gran premi.
Ma quell'anno già è diventato il numero uno idolo non solo dei tifosi , ma tutti i ragazzi, dilettanti o non al motociclismo, a causa del loro abbigliamento stravagante, sue buffonate nel circuito o sul podio e argute risposte e fuori luogo nelle interviste. In tutto questo spettacolo ha sempre contato con la complicità di suo padre, che una volta soppiantati suo figlio in un gran premio-libero allenandosi, lasciando traccia vestita in modo identico rispetto a suo figlio.
Nel 1999, Rossi spazzata senza tante cerimonie, e alla fine della stagione il suo salto è stato vinto senza discussione nella categoria regina. Né il pilota giapponese emergente Tohru Ukawa, che è stato il runner-up, e il campione in carica, Capirossi, entrambi con la Honda, potrebbe fare ombra anche per l'Aprilia di Rossi, che ha finito la stagione come campione dopo aver vinto otto gran premi e terzo in uno.
Salto per i 500 centimetri cubi
Titoli conquistati di 125 e 250 centimetri cubici, nel 2000 ha debuttato nella categoria regina. Molti sono stati coloro che hanno pensato che stava andando troppo in fretta, che prima si dovrebbe consolidarsi come campione 250, come 500 richiedono che un allenamento fisico e tecnico non raggiunge certa età. Ma Rossi non ascoltare nessuno, perché Honda, ex Michael Doohan, gli offrì una moto ufficiale, e che a lui era un sogno. Lo fa non desentonó. Al contrario, piantò faccia il campione, un rapido Kenny Roberts Jr. e fu proclamato il runner-up, con la vittoria in due Grand Prix. Biaggi, suo rivale già amaro dentro e fuori le piste, è stato il terzo.
La definitiva consacrazione arrivò quando, nel 2001, è diventato per la prima volta con il 500 cc il campionato del mondo. Biaggi e Capirossi aveva iniziato il campionato con grande forza, ma poco a poco Rossi ha mostrato che né in questa categoria aveva rivale, al punto che ha ottenuto la vittoria su diversi fantastici premi che esce per il primo capo rotondo da posizioni molto in ritardo, che hanno minato più se il morale dei loro avversari. Nel 2001, ha vinto anche la Suzuka otto ore, una gara di endurance che raramente evidenziare i piloti impegnati nel mondo delle corse.
Poi il pilota ha vissuto con i genitori a Tavullia, dove tutto era la respirazione a Rossi, che era un personaggio amato agli abitanti del luogo. Ha avuto molti hobby, ma non superstizioni, mentre le statistiche hanno dimostrate che finora suoi buoni anni erano dispari (campione della 125 nel 1997, nel 250 1999 e 500 nel 2001). Egli ha sostenuto che questo era parte del suo metodo: un anno per acquisire familiarità con la categoria e per il prossimo campione. Ma già aveva più categorie.
La stagione 2002 è stata premiata con invitanti novità. La categoria regina (500 cc) è stato cambiato titolo Moto GP e le macchine di due tempi tradizionale potrebbero partecipare in esso (500 cc) e nuovi motori a quattro tempi di fino a 990 cc. L'incentivo all'innovazione, il pilota italiano non ha deluso le aspettative e ha debuttato con un trionfo innegabile nel Gran Premio del Giappone, guida una nuova Honda RC 211V 4T.
Nel primo turno della stagione, Rossi ha lasciato il buon esempio di quello che doveva essere una costante nel mondo di quell'anno: sua assoluta superiorità sopra tutti i rivali e la conferma del suo status come il miglior pilota del circuito. Necessaria solo undici più esecuzioni e un equilibrio senza pari di nove vittorie, un secondo posto e un abbandono di guasto pneumatico per conquistare in Brasile il suo quarto titolo di campione del mondo, la seconda volta consecutiva della cilindrata massima.
In assenza di quattro piste per completare il calendario, Rossi aveva condannato il mondo e ha lasciato il lavoro di contabilità per loro trionfi straordinari per gli appassionati di statistiche: 50 vittorie in gare importanti disputato 104, 10 di loro nella stessa stagione (2002). Rossi era già due passi il record stabilito dal leggendario Doohan, che è riuscito 12 primi posti nel 1997. Anche avvicinato più australiano marca dopo la vittoria nel Gran Premio d'Australia, penultima prova del campionato, ma esso non poteva che essere seconda nel circuito di Cheste (Gran Premio della Comunidad Valenciana), la gara con cui il mondo era chiuso e non è riuscito a corrispondere il marchio di Doohan. Che ha colpito, tuttavia, il 355 punti, il più alto nella storia del motociclismo.

Rossi in sella alla sua Honda (2003)
La conquista del quinto titolo mondiale della sua carriera, terzo nella categoria regina, cominciò a prendere forma dal primo evento della stagione 2003. Rossi è salito verso l'alto del podio nel Gran Premio del Giappone; È stato un giorno tragico, segnato dall'incidente mortale presso il pilota giapponese Daijiro Kato. Da quel momento, l'italiano ha dimostrato ancora una volta sua indiscutibile egemonia. Egli è salito sul podio in ogni gara del calendario, ha realizzato la vittoria in 9 premi importanti e divenne campione in Malesia, in assenza di due test per completare il mondo. Nel circuito Valenciano di Cheste, ultima tondo del campionato, ha aggiunto la vittoria numero 59 della sua carriera e i venti secondo podio consecutivo, che gli ha permesso di eguagliare il record del leggendario Giacomo Agostini. Dopo la Coppa del mondo, il campione fiammeggiante ha annunciato la sua rottura con il team Honda e la sua firma con Yamaha.
Dopo questo cambiamento pochi ha optati per il campione italiano, stavo per iniziare la stagione con un più basso rispetto la moto di rivali. Tuttavia, Rossi ha iniziato la stagione 2004 con una vittoria nel Gran Premio del Sud Africa, che ha stupito i suoi detrattori. Due trimestri messo a Jerez e Francia sembrava di mettere le cose a posto, ma podio tre finiture seguita in Italia, Catalogna e Paesi Bassi hanno mostrato che il dottore, come è affettuosamente conosciuto nei circuiti, era lo stesso come prima nonostante le carenze tecniche. Suo dominio solo è stato interrogato dallo spagnolo Sete Gibernau, che stava facendo una stagione eccellente.

Rossi con la sua Yamaha
Dopo l'abbandono nel Gran Premio del Qatar, a soli tre corse dalla fine della stagione, la disputa per il titolo mondiale non potrebbe essere più combattuto: 229 punti Rossi e Gibernau per 215. Tuttavia, tre in Malesia, Australia e Valencia indiscusso in alto a sinistra classificazione in 304 punti Rossi e 257 a Sète, che ha concluso una stagione che, oltre ad assumere per Rossi il quarto titolo mondiale di Moto GP, è servito anche a proclamare come uno dei più grandi piloti di tutti i tempi.
La stagione 2005, che otterrebbe il suo quinto titolo allo spostamento massimo, è stata una cavalcata trionfale a Rossi. Quattro fantastici premi prima della fine della stagione Rossi fu proclamato campione matematicamente: aggiunto 281 punti anteriore la 159 da Max Biaggi. Con nove posizioni prime e tre secondi (e solo un drop-out), il dottore è stato il leader indiscusso per l'intero campionato. Né Biaggi, Hayden, Capirossi, Melandri, Barros e Gibernau potrebbe fare ombra; Urbino è stato assegnato il campionato comodamente e uguagliato i leggendario cinque 500cc campionati raggiunti da Doohan, così assumere come icona del motociclismo grande mondo.
Aggiunta di titoli mondiali in 125 e 250 cc, già aveva sette in tutta la sua carriera, che è entrato nella lista dei migliori piloti di tutti i tempi, di sotto anche dei nomi come Giacomo Agostini (15 titoli), Angel Nieto (13) e Mike Hailwood e Carlo Ubbiali (9), ma abbinando al Phil Read e John Surtees (entrambi con 7). Tutti un'impresa per un driver così giovani che, pur essendo il re indiscusso del motociclismo, mescolate la possibilità di tentare la fortuna in Formula 1 della prossima stagione come una delle sue eccentricità. Si rinunciò quando si è dimostrato quello che era all'interno dell'auto e ha deciso di continuare nel motociclismo.
L'anno 2006 non ha fatto bene soprattutto per Rossi. Il premio maggiore di Shanghai ha avuto problemi tecnici con la sua Yamaha e non poteva finire la gara, che ha portato a una recessione nella classifica generale. Oltre ai problemi tecnici, ha sofferto anche alcune cascate. Nella seconda parte della stagione, ha recitato in un'epica rimonta che, tuttavia, non ha avuto un felice culmine: nell'ultima gara di Valencia ha finito per cedere il titolo a Nicky Hayden.
Nella stagione 2007, Rossi ha debuttato la nuova Yamaha YZR-M1. Nella prima gara è riuscito a finire in seconda posizione alle spalle di Casey Stoner, ma questo, in sella alla sua Ducati, gestiti in gare successive estende il suo vantaggio in classifica generale sui piloti a lui più vicini. Nel Gran Premio di Turchia, Rossi finito decimo a causa di un difetto nella loro pneumatici Michelin, e sebbene fosse riuscito a salire al secondo posto sul podio in Cina, una cattiva raccomandazione da pneumatici Michelin causato il sesto posto nel Grand Prix delle Mans. Pneumatici Bridgestone-attrezzata piloti ha assunto le tre piazze del podio e Rossi ha risposto dicendo che Michelin urgentemente necessario correggere i punti deboli delle vostre gomme.
Nel Gran Premio d'Italia, Rossi fu riunita con la vittoria, battendo Dani Pedrosa. Nel campionato di Catalogna e Donington, Rossi ha concluso secondo e quarto rispettivamente (Stoner ha vinto gare), ma ad Assen, Rossi è stato ri-modellato dalla posizione 11 e ha continuato a vincere la gara, battendo Stoner. A metà stagione, Rossi è stato di 21 punti da Stoner e potrebbe sfidare il titolo. Ma tutto è ritorto al Sachsenring, quando al sesto giro Rossi ha sofferto una caduta che ha danneggiato la sua mano destra e ha dovuto lasciare.
Più tardi, nel Grand Prix di Stati Uniti a Laguna Seca, Rossi gestito quarto posto dietro a Stoner e Melandri, Vermeulen. Il Grand Premio di Brno, Repubblica Ceca, Rossi ha concluso al settimo posto, sedimentazione lui 60 punti di Stoner in generale, ancora una volta a causa di problemi con le gomme, e a Misano, nuovi problemi al motore causato una nuova differenza cumulativa di 85 punti. A Motegi, Rossi poteva vedere solo come Stoner ha raggiunto la vittoria finale, in una gara contrassegnata dall'umidità della traccia, e lo ha fatto che ho dovuto inserire nelle caselle. Ha finito in 13 ° posizione e nel complesso, era terzo dietro a Stoner e Pedrosa.

Rossi nel Gran Premio di Brno (2008)
Di quelli mediocri risultati delle desquitaría tornare il titolo mondiale nel 2008. Rossi ha lasciato i pneumatici Michelin a beneficio della Bridgestone; Ha iniziato la stagione con un quarto discreti in Qatar, ma presto ha cominciato tesatura vittorie. Stoner è rimasta forte e relegato e più di una volta al secondo posto, ma Rossi è venuto all'ultimo Gran Premio con un comodo vantaggio e lo vinse. La sua carriera è finita, e tuttavia il suo record nella categoria GP detiene record storici e figure invisibili: nessuno, nemmeno Giacomo Agostini, in precedenza aveva vinto 71 gare o 115 volte è salito sul podio. E si può per presto superare lui, inoltre, il numero di titoli mondiali.
Oltre alla velocità, Rossi praticare sci e motocross e dal momento che hanno carta conduce a piena velocità Porsche di potenza massima; non invano il suo idolo sportivo massimo è il tardo Ayrton Senna. Come pilota di Jet, oltre a Wayne, ha ammirato Kevin Schwantz, campione del mondo della categoria regina nel 1993, quando ha fatto il suo primo passo in competizioni ufficiali. Ora, con numerosi soprannomi, come Rossifumi, Valentinik o la più italiana di Balanzone o Pavarotti del motociclismo, è diventato il punto di riferimento per altri giovani piloti che aspirano a conquistare il mondo e un pilota ammirato anche da coloro che già sono stati campioni.


Cronologia di Valentino Rossi

1979Nato a Urbino, Italia.
1990Disputato la sua prima gara con una minimoto.
1993Ha fatto il suo debutto in italiano 125 cc Sport Production Championship, vincendo l'anno successivo.
1994Vincere il campionato 125 cc d'Italia.
1995Convalida il suo titolo di campione d'Italia di 125 cc e rimane terzo nel campionato europeo della stessa categoria.
1996Ha debuttato nel mondo campionato 125 cc con una Aprilia.
1997Diciotto-anno-vecchio proclamato campione del mondo 125 cc, dopo aver vinto undici piste.
1998Salta a 250 cc e compiuta debutto stesso vice campione del mondo.
1999Ha vinto la 250 cc il campionato del mondo.
2000Salta alla categoria regina, 500 cc e nuovamente ottiene mondo Runner-up.
2001-2005La sconfitta nel World Championship 500 cc (categoria chiamata MotoGP dal 2002) in cinque edizioni consecutive, eguagliando il record di Doohan.
2006Secondo classificato nel Campionato del mondo Moto GP.
2008Ottiene il suo sesto titolo mondiale MotoGP.


Palmares di Valentino Rossi


Palmares impressionante del rider italiano Valentino Rossi incluso alla fine della stagione 2008, un totale di 8 titoli mondiali, sei di loro nella categoria regina della 500 cc (noto come MotoGP dal 2002). Le loro statistiche sono spettacolari, e in alcuni record, è il miglior pilota della storia. In Moto GP, nessuno ha superato il numero di vittorie e podi (71 e 115), o il numero di punti, più veloce giri e podi ottenuti in una stagione. Ecco l'elenco delle sue vittorie:
125 cc
  • Italia campione nel 1994 con la Cagiva.
  • Italia campione nel 1995 con l'Aprilia.
  • Terzo posto nel campionato europeo del 1995 con Aprilia.
  • Campione del mondo nel 1997 con Aprilia.
250 cc
  • Vice campione del mondo nel 1998 con Aprilia.
  • Campione del mondo nel 1999 con Aprilia.
500 cc | Moto GP
  • Vice campione del mondo nel 2000 con la Honda.
  • Campione del mondo nel 2001 con la Honda.
  • Campione del mondo nel 2002 con la Honda.
  • Campione del mondo nel 2003 con la Honda.
  • Campione del mondo nel 2004 con la Yamaha.
  • Campione del mondo nel 2005 con la Yamaha.
  • Vice campione del mondo nel 2006 con la Yamaha.
  • Campione del mondo nel 2008 con la Yamaha.

Rossi celebra la sua vittoria al GP di Jerez
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…