Biografia di Salvador Dali | Pittore spagnolo.

(Figueres, Girona, 1904 - Púbol, 1989) Pittore spagnolo. Salvador Dali era nato in una mattina nella primavera del 1904 in una famiglia Borghese, figlio di un notaio di buone intenzioni e una signora sensibile appassionata di uccelli. Più tardi avrebbe scritto: "per i tre anni che volevi essere un cuoco. I cinque che volevo essere Napoleone. La mia ambizione non ha fatto di più a crescere ed è ora alla portata essere Salvador Dali e niente di più. D'altra parte, questo è molto difficile, dal momento che, come mi avvicino di Salvador Dalí, si muove lontano da me".
Poiché persecuzione sarebbe incessante e l'obiettivo non ci sarebbe mai raggiunto e dato a ogni curva della sua biografia prevedeva che ha trovato l'equilibrio e la pace, ha deciso di essere eccessivo a tutti, molti interpretato personaggi e sublimare la loro angoscia in una pluralità di deliri umoristiche e sordidi. Si definiva un "perverso polimorfo, in ritardo e giorni", "morbido, debole e ripugnante", ma per conquistare questa immagine pubblicitaria laborioso prima ci risparmia alcune prove di iniziazione, e se il favorito del suo gioco infanzia indossava il costume del re, già in dieci anni, quando la pittura il bambino malato, Esplora i vantaggi di fingere una costituzione fragile e nervosa.

Salvador Dali
Sua precocità è sorprendente: all'età di dodici anni di vedere lo stile degli impressionisti francesi ed è fatto impressionista, a quattordici anni ha già bloccato la conoscenza con l'arte di Picasso e stato cubista ed i quindici è diventato redattore della rivista Studium, dove disegnare pastiches brillante per la sezione intitolata "I grandi maestri della pittura".
Nel 1919 abbandonò la nativa Catalogna e si trasferisce a Madrid ed entrò all'Accademia di belle arti diventa amico del grande poeta da Granada, Federico García Lorca e il futuro regista surrealista Luis Buñuel, che tuttavia passo indietro definitivamente nel 1930. Nella capitale adotta un abbigliamento speciale: indossa i capelli lunghi, una cravatta sproporzionatamente grande e un cappotto che trascina i piedi. A volte indossa una camicia blu cielo, decorata con zaffiro gemelli, attribuisce i capelli con un capello NET e lucida con vernici per olio. È difficile che la sua presenza passa inosservato.
Nei mesi strapazzati e contrastanti del 1923 ha sofferto una battuta d'arresto sfortunata. Presso l'Accademia di belle arti a cui è associato sono prodotte dimostrazioni contro un insegnante, e fino a quando il discorso ufficiale dare inizio e scatenato la polemica violenta, Salvador lascia la stanza. Le autorità ritengono che con questo gesto è stato colui che ha dato il segnale di attacco e di ribellione e ha deciso di espellerlo per un anno. Poi di nuovo a Figueras, le guardie di vengono ad arrestarlo e ha trascorso una stagione in prigione.
Uscito di prigione, egli riceverà due gioie. Il primo, una pressa per stampare il padre dà lui e la seconda, la visita del suo ottimo compagno della residenza studenti di Madrid Federico García Lorca, che, nella notte dell'estate a Cadaqués, legge tutta la famiglia Dali suoi composti soli versi e drammi. È lì, accanto al Mediterraneo, dove García Lorca scrive la famosa "Ode a Salvador Dalí", pubblicato pochi anni dopo, nel 1929, alla Revista de Occidente. Inoltre sarà presto Luis Buñuel che raggiungere Cadaqués a lavorare con il suo amico Salvador in una sceneggiatura assolutamente atipica e che si tradurrà in un film come strano è il cane andaluso.
Nel 1927 Dali si recò prima a Parigi, ma è l'anno successivo, quando si stabilì a Parigi e si unisce al gruppo surrealista condotto dal poeta André Breton. Quest'ultima si concluderà guidare movimento alcuni anni più tardi, in una memorabile sessione di accusa per cui Dalí è apparso coperto con una coperta e un termometro nella sua bocca, fingendo di essere affetti fittiziamente febbre e opprimente giudizio diventando così una ridicola farsa.
L'atto d'accusa tripla che quindi aveva affrontato Dali era: flirtare con il fascismo, per dimostrare un cattolicesimo delirante e sentire una sconfinata e irrefrenabile passione per soldi. Questo precisamente menzionato nel anagramatico famoso soprannome con cui è stato soprannominato da Breton, Avida dolars, carica che, lungi dal dispiacere al pittore, fornito un piacere segreto e ironico. Infatti, dopo aver appreso di quella che sarebbe diventata la sua musa e compagna in tutta la sua vita, Gala, poi ancora moglie di un altro surreale, il poeta Paul Eluard, Dali ha detto romanticamente: "Io amo Gala piuttosto che mia madre, più di mio padre, piuttosto che di Picasso e di più, anche quei soldi."
Salvador è caduto Gala nell'estate del 1929 e ha goduto per la prima volta dei mieli di erotismo. Questo è il periodo in cui dipinge adeguatezza del desiderio, illuminata piaceri e il grande masturbatore, dipinto quest'ultimo che è stato attaccato e lacerato dal gruppo fanatico puritano del Camelots du Roy. Durante una mostra delle sue opere presso la Galleria Goemans a Parigi, la coppia giovane e appassionata si rifugia e isolati se stesso nella Riviera francese, passando i giorni e le notti bloccati in una piccola stanza di un hotel con le persiane chiuse.

Dali, un genio eccentrico
Sentito che il padre di Salvador della vita dissoluta di suo figlio da un articolo di Eugenio D'Ors è apparso in La Gaceta Literaria, le relazioni si rompe con il suo stelo; ma dovrebbe non incidono su di esso troppo, o forse sì, perché è in quel momento che l'artista rende il meglio della sua opera, come il famoso quadro la persistenza della memoria (1931), dove morbido orologi pendono dal ramo di un albero, il bordo di un piedistallo e una forma misteriosa che si trova nella vasta distesa della spiaggia.
Nel 1934 ha viaggiato con sua Gala già inseparabile a Stati Uniti, dove è atterrato e presentato ai giornalisti con un enorme pane cotto dal cuoco della nave che li trasporta. Nelle sue espressioni irregolare non esitano allegando Lenin con il baseball e il mito di Hitler con il telefono. Essi sono tutti scherzi assurdi cercando di rimuovere il ferro di una situazione politica minacciosa. Due anni più tardi si rompe la feroce guerra civile in Spagna e uno dei primi segni dell'onestà dei militari ribelli è l'infame omicidio del suo amico Federico García Lorca, crimine che ha sconvolto l'opinione pubblica internazionale. Dali ha scritto: "Lorca aveva personalità per dare e vendere abbastanza per essere sparato, prima di qualsiasi altro, da qualsiasi spagnolo."
Nel 1938 ha infine incontrato, grazie allo scrittore Viennese Stefan Zweig, Sigmund Freud, che era stato il grande ispiratore dell'estetica surrealista, che Dali non si sentono emarginati nonostante la raffica di Breton, ma invece è considerato l'esponente più autentico e unico. Il padre della psiconalisis aveva dato il carburante per la nuova inchiesta dell'inconscio con il suo libro l'interpretazione dei sogni (1900), ma mai aveva preso troppo sul serio la sua giovani fan di Parigi.
Tuttavia, il 20 luglio 1938, dopo la riunione, Freud annotò nel suo diario: "fino ad allora mi sentivo tentato di considerare i surrealisti, che a quanto pare ho scelto come Santo patrono, come integrante locos (dire 95%, alcool puro). Che giovane, con i loro splendidi occhi di fanatico e innegabile padronanza tecnica, lo spagnolo mi ha spinto a riconsiderare la mia opinione". Da parte sua, l'artista ha fatto incredibile e strabiliante ritratto del "Santo patrono" dei surrealisti.
Installato di nuovo a New York nel 1939, Dali accetta una Commissione di decorare alcune vetrine commerciali. Il tema scelto è il giorno e la notte, la prima evocata da un manichino che entra in un bagno peloso e il secondo per mezzo di carboni e panni neri estesi, ma la direzione consente di modificare la decorazione senza consultazione con l'autore. Dali, adirato, dump vasca Astrakhan piena d'acqua e la lancia contro il vetro della vetrina producendo un grande tumulto e una piaga notevole.
Nonostante il fatto che il pubblico americano applaude lui il vigore con cui ha saputo difendere la proprietà intellettuale, è giudicato dai tribunali e condannato a pagare i danni. Non ottenere completa il vostro prossimo progetto di decorazione un padiglione della fiera internazionale di New York, che era di prendere il titolo significativo di Sogno di Venere.
In Spagna che tornò nel 1948, la loro residenza a Port Lligat e trovare tutti i tipi di strutture del regime del generale Franco. Il governo dichiarò anche quell'angolo catalana che così affascinato il pittore "Pittoresco sito di interesse nazionale". Per molti storici dell'arte il meglio della sua opera era già stato fatto e, tuttavia, è rimasto suoi quarant'anni di produzione capriccioso e irriducibile divinizzazione ed Esibizionismo, con le apparenze pubbliche dello stile del quale protagonista nel dicembre del 1955, quando è si presentò presso l'Università della Sorbona di Parigi per dare una lezione in una Rolls Royce con il cavolfiore. Nell'artista di vita era anche fondato un Museo di Dalì a Figueras; Questo monumento scenico, Motley e strano alla sua proverbiale ego è uno dei musei più visitati in Spagna.
Durante gli anni settanta, Dali, che aveva dichiarato che la pittura era "una fotografia fatta a mano", era il garante dell'international style iper-realista che, emergendo dalla sua tavolozza, era non meno inquietante di sua ordinata inchiesta precedente circa l'universo onirico illimitato e ambiguo. Ma chi più e chi meno meglio di sue immagini ricorda suo ripugnante baffi impomatati e manca che sostiene di avere visto al Liceo, il lussuoso teatro dell'opera di Barcellona, elegantemente vestito in frac e cerca in tasca, una veste di fazzoletto colorato, una tortilla flaccida à la française.
Nel suo Testamento, il controverso artista ha lasciato molta della relativa eredità allo stato spagnolo, causando in questo modo, anche dopo la sua morte, avvenuta nel 1989, dopo una lunga agonia, dibattito nuovo e acrimoniosa. Lo scrittore Italo Calvino scrisse che "nulla è più falsificabile che l'inconscio"; Forse questo paradossale e antifreudiana verità è la grande lezione del creatore del metodo paranoico-critico, di quel maestro del histrionismo e propaganda, che runaway pittore e un perfezionista, questo mago virtuoso e stravagante cittadino che è stato di Salvador Dalí. Il prolifico picchiatello dell'Empordà, la pianura catalana spazzata dal vento del Nord vertiginoso che capta le onde del Mar Mediterraneo in una costa tortuosa e arriscada, scoperto l'arte della mistificazione e il trapano, le menzogne, la dissimulazione e travestimento prima di imparare anche a gestire la sua matita con precisione sogni disparati e sterile.
Sua lunga esistenza, ostinatamente dedicato alla materia di tortura e le tele con i frutti più malvagi della sua fertile immaginazione, inoltre è rimasto fedele a un paesaggio mozzafiato della sua infanzia: Port-Lligat, una baia bloccata di rocce dove lo spirito è lento, ora a salire verso i misteri più sublimi, prega per corrompere come le acque tranquille. Mistico e Narciso, Salvador Dali, forse uno dei più grandi pittori del XX secolo, sviluppato provocatorio di irresponsabilità non in etica, ma in estetica, un'estetica cupa dove la bella già non è concepita a meno che contenga inquietante bagliore del sinistro. Dali ha esibito provocatoriamente intime circostanze della sua vita e del suo pensiero.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici