Passa ai contenuti principali

Biografia di Marie-Antoinette | Regina di Francia.

(Vienna, 1755 - Parigi, 1793) Regina di Francia. Figlia degli imperatori d'Austria, Francisco mi e María Teresa, sposò nel 1770 con il delfino di Francia, Luis, che salì al trono nel 1774 con il nome di Luis XVI. Donna frivola e volubile, circondata da una consorteria di gusti intriganti e costosi, presto ha guadagnato la fama di uno spreco e reazionario. Ha esercitato una forte influenza politica sul marito (non ha mai amato), ha ignorato la miseria del popolo e, con il loro comportamento licenzioso, ha contribuito per il discredito della monarchia negli anni che precedono la rivoluzione francese.

Maria Antonietta, Regina di Francia
Ma forse quello che più ricorda María Antoinette è sua finale drammatico: arrestato insieme con il re e altri nobili durante il tentativo di fuggire da Parigi, venne processato dal Tribunale rivoluzionario e condannato a morire sulla ghigliottina. Alle dieci e mezzo del mattino del giorno, 16 ottobre 1793, il pittore David, comodamente seduto sulla terrazza del Café La Regence nella via Saint-Honoré parigino, ha reso un punto del nativo della Regina Maria Antonietta la strada di forca. L'avevano seduto su un carrello e che stava per essere giustiziato sulla ghigliottina dopo più di un anno di Calvario. Il disegno presenta alla regina come un patetico Specter, copricapo con un ridicolo Cap-famula sotto il quale si affaccia alcune ciocche di capelli lisci. Le sue labbra, a maglia di agonia, Mostra anche un orgoglio che sembra sfidare la mafia. È una nota crudele, in cui l'artista ha voluto espropriare la sua vittima da ogni residuo di splendore o bellezza, mostrando il suo il prigioniero feroce che potrebbe più non più pratica loro perversioni. Per la folla che ha visto quel giorno, Maria-Antonietta era l'incarnazione del male; per molti altri è stato un martire di Regina e un simbolo di maestà e di completezza. Tale esproprio che David ha visto passare voce al patibolo era stato, senza dubbio, una delle più belle Regine che aveva l'Europa e il più squisito gioiello della Francia.
Dal momento che la sua nascita nel 1755, Maria Antonieta Josefa Ana d'Austria, meglio conosciuta come María Antonieta de Austria, aveva vissuto immersi nello sfarzo della Corte Viennese, circondati da attenzione e tenerezza. Suo padre, l'imperatore Francisco, lo amavo. L'imperatrice María Teresa, come tutto il paese, è stato rapito con la figlia e non potrebbe negare qualsiasi capriccio. Sue due deviazioni preferite stavano giocando con molti fratelli nei giardini del Palazzo di Schoenbrunn e nascondono dai loro insegnanti. Il compositore Gluck a malapena riusciti a renderlo un esecutore mediocre del clavicembalo, e i loro insegnanti di lingua solo riusciti a parlare francese piuttosto male e che ha espresso correttamente in tedesco, ma potrebbe mai insegnare l'ortografia, perché la principessa divenne triste e li disarmati con bella mohines.
All'età di 12 anni, sapeva che sarebbe stata regina di Francia. Sua madre stabiliti per fare di lei una principessa perfetta parigino e assegnate due esperti che gestiscono a fondo il futuro capo di Royal: un tutor ecclesiastico e un barbiere illustre. Il primo era quello di rafforzare la sua fede e il suo francese; È stato affidato alla seconda missione non meno delicata per costruire una torre di Golden Versailles piene di anelli nei capelli dell'infanta. Una settimana più tardi, entrambi sono confessati sconfitti. Il tutor ha detto che Maria Antonietta aveva un ingegnoso e sveglio, ma ribellarsi cervello per tutte le istruzioni; Barbiere non poteva finire il suo lavoro a causa di troppo alta, a cupola sulla fronte della giovane donna.

María Antonieta de Austria a tredici o quattordici anni, suona il clavicembalo (Franz Xaver Wagenschön olio)
A 14 anni, quando ha sposato il duca di Berry, poi delfino e futuro re Luis XVI, Maria Antonietta era già una ragazza deliziosa ben formata, con un viso ovale squisito, pelle di colore tra il Giglio e gli occhi rosa, blu e luminosi in grado di condannare un Santo, un collo lungo e sottile e una passeggiata degna di una giovane dea. Per gusto francese, solo la bocca, piccola e attrezzata con il labbro sprezzante degli Asburgo, era sgradevole. Lo scrittore inglese Horace Walpole, e apprezzato le sue meraviglie durante una festa di matrimonio, ha scritto: "aveva occhi solo per Maria Antonietta. Quando in piedi o seduti, è la statua di bellezza; Quando si muove, è grazia in persona. Si dice che, quando si balla, non si salva la misura; senza dubbio, la misura è sbagliata..."
Matrimonio con il futuro re di Francia fu benedetta il 16 maggio 1770. C'era fasto, sfilate, grandi feste e solennità. Presto dopo, la sera, non c'era nulla. Così consignaría Delfino nel suo diario la mattina del giorno 17: "Rien." Una parola singola e fastidiosa continuerò a scrivere per sette anni, fino a quando lei ha il primo dei loro quattro figli. Marie-Antoinette, vitale e poco incline alla santità, ero estremamente annoiato con il marito e presto ha cominciato a uscire in incognito di notte, nascosto dietro la maschera di velluto o raso maschera e compensare con qualcosa di più di semplici complimenti.
Regina di Francia
Per quanto riguarda il delfino, era robusto e bonario, ma anche debole e non troppo intelligente. Diventare Luis XVI all'età 20, María Antonietta scriverà a sua madre: "che cosa sarà di noi? Io e mio marito stiamo paura di essere così giovane re. Madre dell'anima, assiste i bambini infelici in questa ora fatidica! "." Marie Antoinette divenne presto simbolo scandaloso della Corte più licenzioso d'Europa. Era per favore e agire con saggezza, ma non è riuscito.
Suoi difetti, esagerato per la pubblica opinione e considerato come un esempio vivente dell'indulgenza della Corte, non erano diversi da suo disprezzo per l'etichetta francese, sue buffonate e la costante ricerca di piaceri nel sontuoso gruppo del conte di Artois, come pure la loro interferenza capriccioso in affari di stato per lionize relativo favorito. Uno spreco, saggio e beffardo, la stampa underground ha cominciato a dipingerlo come essendo depravato e venduto agli interessi della casa d'Austria. Calunnia cosparso il suo trono, essendo esagerato al parossismo dalla speranza della rivoluzione. Secondo il pamphlet, l'elenco dei suoi amanti era infinita e degno di una Messalina gli eccessi. Presto era conosciuto tra la gente con il soprannome dispregiativo di "Austriaco".

Dettaglio di un ritratto di Antoinette María
(Jean-Baptiste Gautier Dagoty, 1775)
Nel 1785, un nuovo scandalo attribuito alla sua avidità è venuto danneggiare la sua fama già assediato più. Tutta la questione ruotava intorno il gioiello più ricco del tempo. La famosa collana, realizzata dai migliori argentieri di Parigi per madame Du Barry, favorita del re Luis XV, era un pezzo insolubile. Suoi più di mille diamanti, rubini e smeraldi sembravano sono stati pazientemente forgiati dagli dèi nelle viscere della terra per il solo scopo di ricevere la carezza d'oro in un luogo preciso del gioiello. Morto il Du Barry fino a quando il lavoro finisce, sarebbe stato dato la contessa de La Motte, avventuriero che ha servito nella corte e apparteneva alla cerchia del buio Conte Cagliostro, embaucó il cardinale Louis de Rohan, ricca e dissoluta cortigiano caduto in disgrazia, credere che Maria Antonietta voleva ottenere la splendida collana e che, non avendo abbastanza soldi Lei era disposta a firmare un contratto di acquisto, se esso ha garantito.
Il cardinale, desideroso di ingraziarsi con María Antoinette, intervistato che hanno creduto che era la Regina, soppiantata da una bella e giovane denominato d'oliva, aveva acconsentito alla sua richiesta e il collo 1° febbraio 1785 fu trasferito a Versailles. Ma non è riuscito per mano della Regina, ma da una successione di intrighi è andato la contessa de La Motte, che scomparve da Parigi con il marito e si dedicò alla alacremente vendita gemme separatamente. Una volta scoperto la truffa, la contessa ha detto che essere intimo María Antoinette preferita e brandita alcune lettere compromettenti da Regina contraffatti. Marie-Antoinette è stato accusato di intrigante e ambizioso, e anche se la prova ha dimostrato la sua innocenza, la campagna politica orchestrata per screditare e riuscito. Cardinal de Rohan fu bandito, la contessa de La Motte pubblicamente frustato e suo marito condannato alla forca, ma punizione esemplare non potrebbe eliminare l'affronto di nuovo che era caduto sull'onore della Regina.
La rivoluzione
La caduta della monarchia è stata forgiata in pochi mesi. Luigi XVI o María Antonietta capito la natura dei cambiamenti che avanti, provocando la propria rovina. Non non c'era alcuna possibilità di riconciliazione tra le persone e il re. Il tentativo di volo dei monarchi non ha ma accentuare questa rottura e promozione che il paese aveva voltato le spalle alla corona.
Il conte svedese Axel de Fersen, amante più fedele di María Antoinette, è stato incaricato di preparare il piano di fuga con un gruppo di monarchici selezionare e segrete. La famiglia reale dovrebbe fuggire Parigi Tuileries lasciando durante la notte da una backdoor e lasciando una proclamazione di accenti tradizionale per il popolo di Parigi: "Vai indietro al vostro re; Egli sarà sempre tuo padre, il tuo migliore amico". Sono solo riuscito ad ottenere a Varennes, dove sono stati riconosciuti e arrestati. Quando Luis XVI letto il decreto che lo costrinse a tornare, ha detto: "Non c'è no re in Francia". Legislatore ha avuto altra scelta se non di presentare ai rivoluzionari come istigatori di rivolte Robespierre e Danton. Non poteva aiutare l'assalto da parte delle masse della residenza reale, strappato i poteri del re e ha permesso che fu imprigionato nella Torre del tempio. Quindi, per i reali, non era ma un tragico epilogo.

Marie-Antoinette è portato al Tribunale rivoluzionario
Antoinette accompagnò il marito a mostrare della prigione, un valore che ingentilita la sua figura, rasenta poi eroismo a patetico tranquillamente accettare la separazione dai suoi figli e suo marito in esecuzione gennaio 1793. Trasferita alla Conciergerie, sette mesi più tardi e rinchiuso in una cella senza luce o aria, senza riparo, custodito in ogni momento dalle guardie bevute molte volte, i loro nervi erano sull'orlo della rottura alla vigilia della prova. Ma ha resistito.
Durante il processo ha cercato di difendersi con il loro ultimo resti di dignità, ha risposto in termini che scambiò i loro nemici crudeli e, prima che l'accusa suprema hanno danneggiato i loro figli, in primo luogo tenuto silenzio e poi dirigersi per il pubblico, ha detto: "Faccio appello a tutte le mamme che sono qui!" Le deliberazioni della Corte durarono tre giorni e tre notti, essendo infine condannato per alto tradimento come "vedova delle Capet". Il 16 ottobre 1793, metà mattina, si sarebbe esposta al carrello di Parigi gli occhi della folla e Jacques-Louis David, "il pittore della rivoluzione".
Nessuna immagine più espressiva o più eloquente di un cambiamento enorme che aveva operato come suo famoso quadro: non c'è no come una qualsiasi tra la rovina umana marciare all'incontro del loro destino e la donna che era stata, secondo Walpole, apprezzano l'eleganza personificata. Poi lentamente solleverebbe i passaggi delle forche, essi raddoppiare i tamburi, egli sarebbe caduta la lama e la testa insanguinata, afferrò per i capelli da uno dei carnefici, sarebbe stato mostrato alla folla chiassosa.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…