Che cos'è l'etologia clinica equina? | Animali Domestici.

Etologia è lo studio scientifico e comparativo del comportamento animale. Da questa conoscenza possiamo identificare diversi modelli di comportamento normale (comportamento di potere sociale, sessuale, materno, toelettatura, gioco, smaltimento deiezioni, ecc.). Questo studio copre entrambe le linee fisse (comportamenti innati) e acquisite (apprendimento) di componenti di condotta, investigando l'origine, sviluppo, controllo, valore adattivo e l'evoluzione del comportamento.
clip_image009
Quando aggiungiamo a questo la conoscenza della medicina veterinaria (anatomia, fisiologia, patologia, farmacologia, ecc.) siamo in grado di diagnosticare i vari problemi di comportamento dei nostri pazienti e quindi a stabilire una prognosi, trattamento e ancora meglio, apportare modifiche alla gestione per impedire il relativo avvenimento. Ed è qui, dove nasce l' etologia clinicacome una nuova specialità della medicina veterinaria.
Al fine di stabilire che una diagnosi corretta del problema si utilizza l'esame eziologico, che valuta diversi aspetti del paziente quali l'osservazione diretta del comportamento del paziente, un esame fisico generale dell'animale a escludere qualsiasi malattia sistemica che possa causare dolore, ansia o stress nel cavallo e un colloquio con le persone responsabili dell'animale per conoscere a fondo la storia dell'animale e la sua personalità.
Terapia di problemi di comportamento si basa su quattro pilastri fondamentali; arricchimento ambientale, modifica della condotta, farmaco terapia e, in alcuni casi, la chirurgia.

  1. L'arricchimento ambientale è di modificare alcune caratteristiche dell'habitat del paziente secondo le loro specifiche esigenze.
  2. Modifica del comportamento (o Psicoterapia) è costituito dall'applicazione di tecniche basate sull'apprendimento modificare il comportamento, quali assuefazione, desensibilizzazione sistematica e il counterconditioning.
  3. L'uso di farmaci di azione centrale (psicofarmaci) per promuovere il cambiamento del comportamento implica l'uso di ansiolitici, antidepressivi, stimolanti del S.N.C, ormoni, ecc.
  4. Il trattamento chirurgico più comune è il neutro, che viene spesso utilizzato nei casi che non verranno utilizzati per la riproduzione e il comportamento attuale di alta eccitazione e molto difficile.
È importante notare che nella maggior parte dei problemi comportamentali di trattamento comprende la combinazione di diversi di questi elementi per avere risultati migliori.
Nella clinica del comportamento animale della facoltà di medicina veterinaria dell'Università Complutense di Madrid, i veterinari con precedente esperienza nel lavoro sul campo in medicina veterinaria che lavorano in questo settore per offrire uno strumento in più a favore del benessere dei nostri cavalli, impedendo così la trascuratezza e abusi sugli animali.
Problemi di comportamento
Ci sono una vasta gamma di problemi di comportamento nei cavalli. I più frequenti sono i comportamenti compulsivi o movimenti stereotipati (comunemente noti come vizi di blocco), comportamento aggressivo, disturbi alimentari e le reazioni di paura derivante da una mancanza di socializzazione.
  • Aggressione: I cavalli sono molto reattiva all'ambiente; e altamente hanno sviluppato la capacità di volo, come un animale preda, è essenziale per la fauna selvatica. Fronte di uno stimolo avversivo che possa causare paura, il cavallo tenterà di fuggire. Se sei soggetto che reagirà con violenza, ruoterà improvvisamente, trascinando chi sta arrivando. In realtà, il cavallo non sta combattendo, sta cercando di fuggire. Questa aggressione può dirigersi verso altri cavalli, il caregiver o un cattivo pilota.
  • Disturbi alimentari: Tra le cause possibili sono quelli che differiscono dalla forma naturale; limitato l'accesso al cibo, lunghi periodi senza cibo, eccesso di nutrienti concentrate, ad alta energia e melassa, concorrenza e stress attorno al cibo. Il più frequente, tra gli altri, sono pica (ingestione di materia non commestibile come chip, pietre, sabbia, legno, ecc.) e la coprofagia (mangiare le feci).
  • Comportamenti compulsivi o movimenti stereotipati: può accadere in certe situazioni sia diffusa, sempre che si svolgono in situazioni di stress e ansia. Esempi tipici sono il colpo di orso (o rotolamento), cenno, mordere il legno, deglutizione di aria, cadendo nella casella.
  • Paure: Alcune delle situazioni più violente è vivere giorno per giorno con i cavalli sono reazioni di paura prima di qualsiasi stimolo. Paure possono essere derivate, principalmente da una mancanza di socializzazione e di educazione della prima infanzia. Esempi più comuni sono paura a salire al furgone, passa sopra la fogna o fiumi e piscine di attraversamento.

Medicina preventiva in etologia: classi per puledri

clip_image010
Come molte altre specie della preda, il cavallo è una specie che noi chiamiamo presto, perché nascono completamente sviluppati e possono reagire ad una minaccia poco dopo. In queste specie, socializzazione precoce può iniziare immediatamente dopo la nascita ed è gravida di familiarizzare con tutti gli oggetti, stimoli e le procedure che verranno a vivere tutta la vita. Ad esempio: utilizzando la capezzina e il telaio per mettere le fasce di riposo dopo la formazione guidata da persone (ramaleado), scendere un rimorchio e consentono la movimentazione di tutte le parti del tuo corpo, ecc.
Classi per pony della clinica comportamento animale si concentra sull'educazione della prima infanzia come strumento primario per la prevenzione dei problemi di comportamento nei cavalli. Gli animali coinvolti nelle classi per pony e ricevere presto manipolazione (durante i primi 3 mesi di vita) sono più ricettivi quando si avvia la formazione i Colts sportiva che non hanno avuto tale manipolazione durante quel periodo. Una buona socializzazione durante i primi mesi di vita è essenziale per creare rispetto e un buon legame uomo-animale, evitare la paura e la resistenza fisica, che solitamente si verifica nei cavalli adulti quando di fronte a situazioni che non vengono utilizzati.
Pubblicato per scopi didattici