Brahma > L'origine e la storia.

Brahma: Definizione e origine


da Mark Cartwright
clip_image003
Brahma è il Dio creatore indù. È anche conosciuto come il nonno e come un equivalente più tardi di Prajapati, il primo Dio primordiale. Nelle prime fonti indù come il Mahabharata, Brahma è supremo nella triade di divinità indù grande che include Shiva e Vishnu.
Brahma, a causa del suo status elevato, è che meno coinvolto nella pittoresche miti dove dèi assumono forma umana e carattere, ma è piuttosto un ideale generalmente astratto o metafisico di un grande Dio. In seguito Puranas (epica indù) Brahma non più è adorato e altri dèi sono assegnate suoi miti, anche se Egli mantiene sempre il suo status come Dio creatore. Epiteto di Brahma è ekahamsa, un cigno. Suo vahanam ('veicolo') è un pavone, cigno o oca. Egli è onorato ancora oggi con una cerimonia annua presso il luogo di pellegrinaggio di Pushkar nel Rajasthan, in India e lui rimane una figura popolare in Asia sud-orientale, specialmente in Thailandia e Bali.

Brahma, il creatore

All'inizio, Brahma sorsero dall'uovo cosmico d'oro e poi creò buono male e chiaro & scuro dalla propria persona. Creò anche i quattro tipi: dèi, demoni, antenati e uomini (il primo è di Manu). Brahma poi fece tutte le creature viventi sulla terra (anche se nel figlio di Brahma alcuni miti Daksa è responsabile di questo). Nel processo di creazione, forse in un momento di distrazione, i demoni sono nati dalla coscia di Brahma e così ha abbandonato il suo corpo che divenne poi la notte. Dopo Brahma creato buone dii ha abbandonato il suo corpo ancora una volta, che poi è diventato il giorno, quindi demoni guadagno l'ascesa di notte e dèi, le forze di bontà, governano il giorno. Brahma poi creato antenati uomini e, ogni volta di nuovo abbandonando il suo corpo così che sono diventati rispettivamente il tramonto e all'alba. Questo processo di creazione si ripete in ogni Eone. Brahma poi nominato Shiva alla regola sull'umanità anche se nei miti più tardi Brahma diventa un servo di Shiva.

Brahma creato quattro tipi: dèi, demoni, antenati e uomini.

Brahma ebbe diverse mogli, il più importante è sua figlia Sarasvati che, dopo la creazione, alesaggio Brahma quattro veda (libri sacri dell'Induismo), tutti i rami della conoscenza, il 36 Raginis e 6 Ragas di musica, idee come memoria e vittoria, yoga, religioso agisce, discorso, sanscrito e varie unità di misura e di tempo. Oltre a Daksa, Brahma ebbe altri figli notevoli tra cui sette saggi (del quale Daksa stato uno) e il famoso quattro Prajapatis (divinità): Kardama, Pancasikha, Vodhu e Narada, quest ' ultimo il Messaggero tra gli dei e gli uomini.

Brahma crea donne & morte

Nei miti raccontati nel Mahabharata, Brahma ha creato le donne, la fonte del male tra gli uomini:
Una donna sfrenata è un fuoco ardente... lei è il bordo tagliente del rasoio; Lei è veleno, un serpente e la morte, tutto in uno.
I dèi temevano che gli uomini possano diventare così potenti che potrebbe sfidare i loro regno, pertanto, hanno chiesto la Brahma modo migliore per prevenire questo. La sua risposta era quella di creare donne provocanti che ' desiderando per piaceri sensuali, ha cominciato a suscitare uomini. Poi il Signore degli dèi, il Signore, creato rabbia come assistente di desiderio, e tutte le creature, che cade in potere di desiderio e di rabbia, cominciarono ad essere associata alle donne.' (Mahabharata nei miti indù, 36).
In un altro mito prima femmina di Brahma è anche la morte, la forza del male che porta equilibrio nell'universo e che assicura che c'è troppo affollamento di esso. La figura della morte è pittorescamente descritta nel Mahabharata come 'una donna scura, indossare abiti rossi, con gli occhi rossi e rossi palme e le suole, ornata di orecchini divine e ornamenti' e viene dato il compito di 'distruggendo tutte le creature, imbecilli e studiosi' senza eccezione (Mahabharata nei Miti indù, 40). Morte pianse e pregò Brahma uscirà da questo terribile compito ma Brahma è rimasto impassibile e mandò il suo modo di svolgere il suo dovere. Alla morte di primo continuò lei protesti eseguendo vari atti straordinari di ascetismo come in piedi in acqua in completo silenzio per 8.000 anni e in piedi su un dito sulla cima delle montagne dell'Himalaya per 8000 milioni di anni ma Brahma sarebbe non lasciarsi influenzare. Così morte, ancora singhiozzando, ha realizzato il suoi funzioni portando notte infinita a tutte le cose quando è venuto il loro tempo e le lacrime caddero a terra e divennero malattie. Così, attraverso il lavoro della morte, la distinzione tra mortali e dèi fu preservata per sempre.
clip_image004
Brahma nell'arte
Brahma è spesso rappresentata in rosso con quattro teste, simboliche della sua creazione dei quattro veda. Così viene spesso chiamato Caturanana/Caturmukha o 'quattro facce' e Astakarna o 'dalle orecchie otto'. Originariamente Brahma aveva cinque teste, ma quando egli concupito da sua figlia Sandhya un indignato Shiva taglierà la testa che aveva ogled dea (o bruciato con il suo occhio centrale). Brahma è anche rappresentato con quattro braccia. Una mano destra tiene il brahma-tandram, un disco ovale con un bordo in rilievo che è forse un mestolo sacrificale e utilizzato per contrassegnare sulla fronte degli uomini con il loro destino. L'altra mano destra tiene un rosario fatto dai semi di rudraksham. Una mano sinistra tiene un vaso pulizia e tiene a volte sua prua Parivita o i veda. Brahma possa anche essere raffigurato seduto sul fiore di loto sacro che scaturiva dall'ombelico di Vishnu, una scena particolarmente comune nell'arte di Cham.
In arte cambogiana, Brahma - noto come Prah Prohm- è nuovamente rappresentato con quattro teste e spesso cavalcando un'oca sacra, l' hamsa (una forma popolare di rappresentazione nell'arte giavanese, troppo), e così il Dio può in questa guisa essere denominato Hansavahana. In Tibet, dove Brahma è conosciuto come mtsho-pa o Brahma bianco (pa-mtsho dkar-po), egli spesso cavalca un cavallo e trasporta un toro bianco e una spada.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia under Creative Commons License.