Passa ai contenuti principali

Punti notevoli di Giudici 15-18 - Scuola di Ministero Teocratico

Scuola di Ministero Teocratico: Informazioni per studio personale

Lettura della Bibbia: Giudici 15-18 (8 min)


(Giudici 15:14)

Egli, da parte sua, giunse fino a Lehi, e i filistei, da parte loro, gli andarono incontro con urla d’esultanza. E lo spirito di Geova divenne operante su di lui, e le funi che erano sulle sue braccia si fecero come fili di lino che siano stati bruciati dal fuoco, così che i suoi ceppi si fusero dalle sue mani.

*** it-2 p. 198 Mano ***
MANO
Parte terminale del braccio. La parola “mano”, com’è usata nelle Scritture, si riferisce a volte anche al polso. Infatti in Genesi 24:22, 30, 47 ed Ezechiele 16:11 si legge che si portavano braccialetti alle “mani”, e in Giudici 15:14 è menzionato che Sansone aveva le “mani” nei ceppi.

(Giudici 15:17)

E avvenne che quando finì di parlare, gettò immediatamente la mascella dalla mano e chiamò quel luogo Ramat-Lehi.

*** it-2 p. 122 Lehi ***
A Lehi, Sansone abbatté mille filistei con una mascella d’asino fresca. Poi chiamò la località Ramat-Lehi (altura della mascella), probabilmente a ricordo della vittoria che Geova gli aveva dato. (Gdc 15:9-19) Può darsi però che in origine il nome Lehi fosse derivato dalla forma delle sue rupi.

(Giudici 16:1)

Una volta Sansone andò a Gaza e là vide una prostituta ed entrò da lei.

*** w05 15/3 p. 27 Sansone trionfa con la forza di Geova! ***
Sansone aveva un solo obiettivo in mente: combattere i filistei. Quando si recò nella casa di una prostituta a Gaza fu per combattere i nemici di Dio. Sansone aveva bisogno di un posto dove passare la notte in quella città nemica e trovò alloggio nella casa di una prostituta. Non vi andò per uno scopo immorale. Lasciò la casa della donna a mezzanotte, divelse i battenti della porta della città e i due pilastri laterali e li trasportò in cima a un monte vicino a Ebron, a circa 60 chilometri di distanza. Fece questo con la forza datagli da Dio e con la Sua approvazione. — Giudici 16:1-3.

*** it-1 p. 639 Dalila ***
La prostituta menzionata in Giudici 16:1, 2 non è Dalila. Quella prostituta abitava a Gaza, mentre Dalila abitava nella valle del torrente di Sorec.

*** it-2 p. 455 Ospitalità ***
Sembra che a volte le locande fossero gestite da prostitute. Raab, la prostituta di Gerico, alloggiò le due spie inviate da Giosuè e mostrò loro benignità e ospitalità nascondendole dagli inseguitori. (Gsè 2:1-13) Sansone alloggiò in casa di una prostituta di Gaza fino alla mezzanotte, in attesa di umiliare i filistei portandosi via le porte della città. — Gdc 16:1-3.

*** it-2 p. 863 Sansone ***
Un’altra volta Sansone andò in casa di una prostituta nella città filistea di Gaza. Saputolo, i filistei gli tesero un’imboscata, con l’intenzione di ucciderlo la mattina. Ma a mezzanotte Sansone si alzò e divelse la porta della città, i pilastri laterali e la sbarra, e li portò “in cima al monte che è di fronte a Ebron”. (Gdc 16:1-3; vedi GAZA n. 1). Questa fu una grande umiliazione per i filistei, poiché lasciava Gaza indifesa e alla mercé dei nemici. Il fatto che Sansone fosse in grado di compiere un’impresa così straordinaria indica che aveva ancora lo spirito di Dio. Ciò dimostra che non era andato in casa della prostituta per scopi immorali. A questo proposito il commentatore Paulus Cassel osservò: “Sansone non si recò a Gaza per andare da una meretrice: infatti viene detto che ‘vi andò e lì vide una [prostituta]’. . . . Ma quando volle trascorrere là [a Gaza] la notte, non c’era per lui, il nemico nazionale, altra alternativa che alloggiare presso la [prostituta]. . . . La sua permanenza è descritta con un linguaggio non diverso da quello impiegato a proposito della sosta delle spie in casa di Raab. Le parole, ‘egli la vide’, indicano solo che quando vide una donna di quel genere, seppe dove poteva trovare riparo per la notte”. (J. P. Lange, Theologisch-homiletisches Bibelwerk, Das Buch der Richter, 1865, p. 43) Inoltre, si noti, viene detto che “Sansone continuò a giacere fino a mezzanotte” e non che ‘Sansone continuò a giacere con lei fino a mezzanotte’.
Andando in territorio nemico, Sansone dimostrò la sua intrepidezza. Può darsi che fosse andato a Gaza per ‘cercare un’opportunità contro i filistei’, come era avvenuto in precedenza quando aveva cercato moglie fra loro. (Gdc 14:4) In tal caso, a quanto pare Sansone intendeva trasformare qualsiasi azione rivolta contro di lui in un’occasione per colpire i filistei.

Scarica informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone


Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…