Passa ai contenuti principali

Pitti: La gente del nord della Scozia | Origine e storia.

di Joshua J. Mark
clip_image001
I Pitti furono un popolo del nord della Scozia che sono definiti come una "Confederazione di unità tribali in cui motivazioni politiche derivata da un bisogno di allearsi contro i nemici comuni" (McHardy, 176). Non erano una singola tribù, né necessariamente un singolo popolo, anche se si pensa che originariamente venivano dalla Scandinavia come gruppo coeso. Poiché hanno non lasciato nessuna testimonianza scritta della loro storia, ciò che è noto di loro proviene da scrittori successivi Romano e scozzesi e da immagini Pitti stessi scolpiti sulle pietre. Innanzitutto vengono citati come "Pitti" dello scrittore romano Eumenio nel 297 D.C., che si riferisce alle tribù della Britannia settentrionale come "Picti" ("dipinte quelle"), apparentemente a causa della loro abitudine di dipingere i loro corpi con la tintura. Questa origine del loro nome è stata contestata dagli studiosi moderni, tuttavia, ed è probabile che si riferivano a se stessi come una qualche forma di "Pecht", la parola per "gli antenati". Essi erano a cui fa riferimento all'inizio da Tacito che si riferiva a loro come "Caledoni" che era il nome della sola tribù.
Pitti tenuto il loro territorio contro invasori romani in una serie di impegni e, anche se essi furono sconfitti in battaglia, hanno vinto la guerra; Scozia detiene il primato di mai cadere per le armate di Roma, anche se i Romani tentarono la conquista numerose volte. Pitti esistono nell'annotazione scritta da loro prima menzione nel 297 CE fino al c. 900 CE, quando nessun ulteriore menzione è fatta di loro. Come gli studiosi moderni, la loro assenza dalla storia scritta non significa che misteriosamente scomparso o furono conquistati dagli scozzesi e annientati; significa semplicemente che più non è stato scritto su di loro come si fuse con la cultura scozzese meridionale, che già aveva una storia scritta da quel tempo, e le due storie è diventato uno da allora.
A parte le occasionali incursioni di una tribù contro l'altra, Pitti sembrano avere vissuto pacificamente fino a quando minacciato da forze esterne.

Origini, clan & nome

Anche se era storia accettato in passato di datare l'arrivo dei Pitti in Scozia per qualche tempo poco prima la menzione nella storia romana, o rivendicare un "invasione dei Pitti", studiosi moderni offre una data molto anteriore con nessuna invasione su larga scala. Secondo l' Enciclopedia Collins della Scozia, "Pitti non 'è arrivato' - in un certo senso erano sempre stati lì, poiché erano i discendenti delle prime persone ad abitare quella che poi divenne la Scozia" (775). Lo storico Stuart McHardy supporta questa affermazione, scrivendo che "i Pitti furono infatti la popolazione indigena di questa parte del mondo" con il tempo che i Romani arrivarono in Gran Bretagna (32). Venivano originariamente Scizia (Scandinavia), si stabilirono dapprima nelle isole Orcadi e poi migrarono a sud. Questa affermazione è inoltre sostenuta dall'archeologo e professore all'Università di Aberdeen, il dottor Gordon Noble, che afferma, "Tutti i punti di prova al Pitti essendo indigeno a nord della Scozia... cominciarono a fondersi nel tardo periodo romano e formati alcuni dei più potenti regni in Gran Bretagna settentrionale nel periodo medioevale in anticipo" (Wiener, 2). Hanno vissuto nelle comunità strettamente maglia e costruito le loro case in legno, anche se la loro abilità nella scultura di pietra è evidente da molte pietre incise in piedi ancora esistente in tutta la Scozia e in musei. Queste lastre di pietra scolpite sono l'unico record che Pitti a sinistra della loro storia; il resto della loro storia è raccontato da scrittori successivi Roman, scozzesi e inglesi.
McHardy crediti Pitti con la costruzione di strutture megalitiche (ad esempio il Ness di Brodgar), che possono ancora essere visto in Scozia al giorno d'oggi (33). Essi si stabilirono in piccole comunità composta da famiglie appartenendo a un singolo clan che era presieduto da un capo tribù. Questi clan erano conosciuti come Caerini, Cornavii, Lugi, Smertae, Decantae, Carnonacae, Caledoni, Selgovae e Votadini (McHardy, 31). Questi clan (noti come "parente") ha agito nel loro interesse, spesso reciprocamente razzie di bestiame, ma fasciato insieme quando minacciato da un nemico comune ed eletto un capo unico a guidare la coalizione. I parenti (che deriva dalla parola gaelica per "bambini") avrebbe continuato a seguire e proteggere il loro capo, ma che capo vuoi obbedire tutti il guerriero aveva accordato come leader del gruppo. Per quanto riguarda il ruolo del capo, gli storici Pietro e Fiona Somerset Fry scrive:
La testa dei parenti era un uomo molto potente. Egli era guardato come padre di tutti i parenti, anche se egli potrebbe essere solo un lontano cugino per la maggior parte. Egli comandò loro lealtà: ha avuto diritti proprietari sulla loro terra, il bestiame; loro possessi erano in un certo senso suo. Suoi litigi li ha coinvolti e che dovevano prendere parte a loro, fino al punto della loro vita (33) che stabilisce.
Questa enfasi sull'importanza della famiglia e la venerazione per la figura del padre potrebbe in realtà essere l'origine del nome "Pitti" come la gente è venuto essere conosciuto. McHardy e altri, cita la parola "Pecht" come "un generale interfer-tutto termine per 'gli antenati' all'interno della Scozia" (36). McHardy e gli altri storici sostengono che la gente del nord della Scozia si riferisce a se stessi come "Pecht", significato, entrambi che hanno onorato gli antenati ed erano essi stessi di antiche stock (cioè gli indigeni della terra). McHardy cita lo storico Nicolaisen che dimostra come "romano 'Pitti' corrispondono strettamente per il norreno Pettir e il vecchio inglese Pehtas" e che questi nomi ed altri dalla Cronaca anglosassone, "non derivano da altro, ma da una fonte comune - probabilmente un nome nativo" (McHardy, 36). Dato questo, McHardy scrive, "è altamente improbabile che [i Pitti] sono stati dati il loro nome dai Romani e quindi l'idea del termine significa 'quelli dipinti' non ha alcun fondamento di fatto" (37). Questa affermazione, come molti riguardante i Pitti, è stata contestata. Qualunque cosa può hanno chiamato se stessi, e qualunque cosa significava, la coalizione delle tribù variava in tutta la Scozia del Nord come estremo a nord come le isole Orcadi e come estrema sud come Firth of Forth. I maschi della tribù erano tutti guerrieri, ma, quando non chiamato a difendere il loro clan o terra, erano agricoltori e pescatori e le femmine anche allevato, pescano e crebbe i figli. A parte occasionali incursioni di una tribù contro l'altra per i bovini, i Pitti sembrano hanno vissuto abbastanza tranquillamente fino a quando minacciato da forze esterne.

La venuta di Roma

Incursioni prime di Roma in Britannia nel 55 e 54 A.C. da Julius Caesar ma ha cominciato efficacemente nel 43 A.C. sotto l'imperatore Claudius. Nel 79/80 CE, Julius Agricola, il governatore romano della Britannia, invase la Scozia e premuto di una linea tra i fiumi Clyde e Forth di 82 CE. Dopo la definizione di fortificazioni, ha invaso il nord della Scozia in 83 CE ed è stata accolta dal leader dei Pitti Calgaco nella battaglia di Mons Graupius. Lo storico Tacito registrato la battaglia e, in tal modo, è stato il primo a dare un resoconto scritto della storia scozzese. È dal conto di Tacito deriva della linea di battaglia, spesso frainteso, "fanno un deserto e lo chiamano pace". È la linea reale come insieme giù da Tacito, "Fanno una solitudine e lo chiamano pace". Mons Graupius è un esempio di Pitti riunire sotto un unico capo per combattere un nemico comune. Tacito non chiama Calgaco un re né un capo, ma scrive, "uno dei tanti leader, denominato Calgaco, un uomo di eccezionale valore e nobiltà, convocò le masse che erano già assetato di battaglia e rivolto loro" (McHardy, 28). Record di Tacito che Calgaco aveva 30.000 uomini sotto il suo comando quale ha incoraggiato prima della battaglia attraverso il suo famoso discorso (che molti storici attestazione è Tacito proprio creazione). Calgaco cominciò il suo indirizzo ai suoi guerrieri questa convenzione:
Ho una fiducia di sicuro che questo giorno e questa Unione di tuo, sarà l'inizio della libertà di tutta la Gran Bretagna. A tutti noi la schiavitù è una cosa sconosciuta; non ci sono nessun terre di là di noi, e anche il mare non è sicuro, minacciato come siamo da una flotta romana. E così in guerra e battaglia, in cui il coraggioso trovare gloria, persino il codardo trovare sicurezza. Ex concorsi, in cui, con varia fortuna, i romani sono stati resistiti a, ancora a sinistra in noi un'ultima speranza di soccorso, in quanto essendo la nazione più rinomata della Gran Bretagna, dimora nel cuore del paese, e fuori dalla vista delle sponde dei conquistati, poter mantenere anche i nostri occhi non inquinati dal contagio della schiavitù. A noi che si soffermano sui confini estremo della terra e della libertà, questo remoto santuario della gloria della Gran Bretagna è stata, fino a questo momento, una difesa. Ora, tuttavia, i limiti più lontani della Gran Bretagna sono gettati aperto e ignoto passa sempre per il meraviglioso. Ma non ci sono nessuna tribù di là di noi, nulla infatti, ma onde e rocce e i romani ancora più terribili, da cui oppressione fuga è invano cercato di obbedienza e sottomissione. Ladri del mondo, avendo loro saccheggio universale esausto la terra, essi fucile profondo. Se il nemico ricco, essi sono rapaci; Se egli essere povero, essi brama di dominio; né l'Oriente né l'Occidente è stato in grado di soddisfarle. Solo tra gli uomini che bramano con uguale entusiasmo povertà e ricchezze. Alla rapina, strage, saccheggiare, danno il nome di menzogne dell'Impero; fanno una solitudine e lo chiamano pace (29-38).
Agricola fronte Pitti con 11.000 soldati della Nona Legione e li sconfisse. Pitti attaccarono nella stessa forma che essi cresciuti abituati a nelle guerre tribali, mentre i Romani tenuto la loro posizione in formazione rigorosa e respinsero l'accusa, poi contrattaccarono. Tacito scrive, "i Britanni, quando hanno visto la nostra truppa ferma e costante e inizio inseguimento nuovamente, semplicemente trasformato e corse. Essi non sono più tenuti qualsiasi formazione o qualsiasi contatto uno con l'altro, ma deliberatamente rotto in piccoli gruppi per raggiungere i loro ritiri lontani e senza strade." McHardy rileva, tuttavia, che ciò che tacito percepito come una disfatta era in realtà una manovra tattica. Egli scrive come Pitti "che si erano ritirata nuovamente dentro le foreste e le montagne" e passa poi a notare:
Tacito presenta questo come conseguenza della loro sconfitta, ma un altro modo di considerare questo è che era andato indietro alle loro comunità sparse di riorganizzarsi. È un fatto dicendo che nessun altra fonte romana parla di una battaglia formale come Mons Graupius nel nord durante il resto del periodo di occupazione romana della Britannia meridionale. Anche se ci sono stati più tardi principali focolai di guerra come la congiura di barbaro di 360, sembrerebbe che i guerrieri nativi impararono rapidamente che c'era poca utilità nella lotta contro il romano disciplinato lotta macchina in battaglie insieme, particolarmente quando le proprie competenze avevano appreso nel processo di piccola scala, veloci incursioni. La dispersione in cui può essere visto come i Caledoni ritornare alla piccola scala incursioni gruppi dopo la battaglia. Qualcosa come guerriglia moderna chiaramente è stato chiamato per e sembrerebbe essere diventata la norma per i prossimi 300 anni (48).
Anche se i romani vinsero la battaglia, presumibilmente uccidendo 10.000 guerrieri dei Pitti, essi potrebbero non capitalizzare questa vittoria. A differenza di altre nazioni che i Romani invasero, estensioni nordiche della Gran Bretagna non avevano nessuna città centrale che potrebbero essere conquistati. McHardy osserva che, "quando che i Romani arrivarono nella metà settentrionale delle isole britanniche avevano già invaso gran parte dell'Europa e aveva sviluppato una metodologia di conquista e controllo. La mancanza di locali centrale chiaramente definite come sedi del potere politico fu forse parte del problema in corso hanno avuti nel tentativo di sottomettere questa parte del mondo"(41). I Romani, infatti, mai conquistarono la regione che sarebbe diventata la Scozia sebbene farebbero ripetuti tentativi. La natura tribale dei Pitti ha significato che potrebbero muoversi rapidamente da una lingua a altra, non erano legati a un singolo insediamento in una regione geografica, ed erano abili a vivere fuori della terra. I Romani, pertanto, che si ritrovarono di fronte avversari che non aveva nessuna città centrale di non conquistare, terreni coltivabili a bruciare, e che, dopo Mons Graupius, rifiutò di affrontarli in campo, come altri popoli avevano fatto. I Pitti furono inespugnabile perché presentate con un nuovo paradigma che Roma potrebbe non adattarsi ai Romani. Le legioni romane non avevano ancora incontrato questo tipo di guerriglia (che sarebbe anche rivelarsi efficace nella resistenza all'invasione romana delle loro terre nel 367-369 CE Goth sotto Atanarico) e furono così in grado di sottomettere un nemico che ha vissuto, spostato e combatté a differenza di qualsiasi avversario che aveva affrontato prima. Gli storici Pietro e Fiona Somerset Fry scrive:
Tacito descritto Mons Graupius come una grande vittoria romana; Chi può dargli torto. Ma e ' stato? Resta il fatto che Agricola si ritirò verso sud quando tutto fu finito. Inoltre, quando ha lasciato la Gran Bretagna pochi mesi più tardi, la frontiera tra Romani e Caledoni era nulla vicino a [il sito della battaglia]. Era più di 150 miglia a sud, e negli anni che seguirono, l'occupazione romana della Scozia contratta e contratta. E probabilmente mai consisteva di oltre lo svolgimento delle principali fortezze e fortlets e come tempo andato meno e meno di loro (25).
In 122 CE l'imperatore Adriano ordinò la costruzione del suo famoso muro che correva per 73 miglia (120 km), a volte ad un'altezza di 15 piedi, da costa a costa. Nel 142 D.C., la parete di Antonine è stato costruito ulteriore nord sotto il Regno di Antoninus Pius. Queste mura non ha fatto nulla per scoraggiare le incursioni dei Pitti. Il Frys nota che, "sia di Adriano e il Vallo sono stati psicologici così come barriere fisiche. Hanno segnato i confini, come se fosse. Ma nessuna delle due parti per un attimo immaginato per essere inespugnabile. Forse i Romani non hanno ancora inteso loro di essere"(27). Le pareti, servito da una linea di demarcazione tra le terre del sud sotto la dominazione romana, che erano considerati "civilizzati", e il deserto di barbari del nord che era controllato da Pitti. Quando i romani lasciarono l'Inghilterra nel 410 CE, Pitti vivevano ancora nelle regioni a nord del muro come hanno sempre avuto. Qualunque effetto presenza romana possa aver avuto su di loro è sconosciuto, ma le incisioni Pitti lasciati sul loro menhir non mostrano grandi differenze nello stile di vita da prima dell'arrivo di Roma per dopo la partenza delle legioni.

L'avvento del cristianesimo

Durante il periodo dell'occupazione romana della Britannia, l'impero romano aveva adottato il cristianesimo come religione di stato, cominciando con il decreto dell'imperatore Costantino di tolleranza religiosa, l'editto di Milano, nel 314 CE. Missionari cristiani iniziarono incursioni nelle terre dell'inizio con St Ninian Pitti in CE c. 397. Gli sforzi di questi missionari, combinati con il crescente potere nel sud del Regno di Northumbria, avrebbe effetti duraturi i Pitti. Come osserva McHardy, "dove l'impero romano non è riuscito a conquistare i Pitti, Christian Church riuscito" (93). Pitti praticavano un paganesimo tribale che sembra aver coinvolto il culto della dea e una devozione alla natura che ha coinvolto il grande rispetto per siti specifici del potere soprannaturale attraverso la terra, dove la dea ha vissuto, camminato o aveva eseguito una sorta di miracolo. Donne nella società dei Pitti sono state considerate alla pari degli uomini e la successione della leadership (più tardi regalità) era matrilineare (attraverso la parte materna), con il capo Regno succeduto da suo fratello o forse un nipote, ma non attraverso successione patrilineare di padre in figlio. Sembra non esserci nessun record del concetto di "peccato" nella credenza dei Pitti (lo stesso come in altre forme di paganesimo) e, come la dea ha vissuto tra la gente, la terra doveva essere venerato come uno farebbe la casa di una divinità. Il cristianesimo ha introdotto un nuovo paradigma di come l'universo ha lavorato. McHardy scrive:
La nuova religione ha portata a nuovi concetti. L'idea di un Dio tutto potente, spesso vendicativo, maschio era accompagnato dal concetto di tutti gli esseri umani e specialmente le donne, come essendo essenzialmente peccaminoso. Questo, in una società dove la probabilità è che le donne erano presso il meno uguale agli uomini, ma dove c'era la credenza in una dea madre e forse una sorta di matrilignaggio, suggerisce cambiamento importante. Ci sono stati altri cambiamenti radicali. La dea vecchia era all'interno del paesaggio, il nuovo Dio è stato in qualche cielo stellare non identificato. Questo avrebbe dovuto significare cambiamenti nelle percezioni della gente essi stessi e l'ambiente hanno abitato (94).
Mentre gli sforzi di Ninian per convertire i Pitti ha avuto qualche effetto, suo successore più tardi, St Columba, raggiungerebbe gli avanzamenti importanti nella diffusione di cristianesimo. Ninian stabilita cristianesimo tra Pitti meridionali a un certo punto durante il Regno del re dei Pitti Drust I (noto anche come Drest I e figlio di Drust dell'Irb) che governò dal 406-451 CE o CE 424-451 (per citarne solo due delle possibili date del suo regno). Columba è arrivato dall'Irlanda nel c. 563 D.C. quando il re dei Pitti Carmelo figlio di dati governato. Carmelo (noto anche come Carmelo io o Bridei) Regno dei Pitti settentrionali e meridionali e, a seconda sorgente che uno accetta, o è diventato un cristiano dopo l'incontro di Columba o era già della fede quando arrivò Columba.
Un ex warlord tribale in Irlanda, Columba ha saputo mobilitare e ispirare i grandi gruppi di uomini e fatto uso di questo talento nella sua conversione dei Pitti. È dal tempo di lavoro missionario di Columba intorno la roccaforte dei Pitti di Inverness che deriva la leggenda del mostro di Loch Ness. St Adamnan, che scrisse La vita di San Columba, include la storia di un grande mostro che viveva sotto le acque del fiume Ness e aveva già mangiato abitanti della regione quando arrivò Columba. Columba ha salvato uno dei suoi compagni dal mostro invocando il nome di Dio e comandando la creatura di partire a quel punto, "il mostro era terrorizzato e fuggì più velocemente di se che era stato tirato indietro con le corde." Questa sconfitta del mostro si suppone molto hanno impressionato i Pitti poi convertitosi al cristianesimo. Anche se la storia si occupa del fiume Ness, non il lago Ness, è considerato la base per tutte le storie successive circa il mostro di Loch Ness. Altre gesta Columba di meraviglia, compresi superando pitte stregoni al loro proprio gioco (molto come Moses con sacerdoti egiziani nel libro dell'Esodo) migliorato ulteriormente la sua fama e ha fatto il cristianesimo un'alternativa più attraente per le credenze tradizionali dei Pitti.
Per il momento Columba morì nel 597 CE, i Pitti furono cristianizzati principalmente e in gran parte avevano lasciato il loro precedente stile di vita alle spalle. La conversione dei Pitti è non stata sempre pacifica, tuttavia. Più tardi come 617 CE Pitti erano ancora resistenti alla nuova religione, come dimostra il martirio di Saint Donnan insieme a cinquantuno dei suoi seguaci di Pitti sull'isola di Eigg. Anche se il record come vita di Columba di Adamnan, o le opere di Beda, presenta un racconto di missionari cristiani costantemente e con successo, avanzando la fede, altri lavori, come gli Annali dell'Ulster, rendono chiaro che il processo di conversione non è andata così bene. Anche nel 673 CE alcuni segmenti della popolazione dei Pitti erano ancora resistenti alla nuova fede, come evidenziato dalla loro combustione di un monastero di Tiree.

Northumbria & la battaglia di Dun Nechtain

Modo i Pitti vita era non solo sotto l'assalto di missionari cristiani all'interno dei loro confini, ma anche da un crescente potere al sud. L'ascesa di anglicano Regno di Northumbria, che ha fatto regolari incursioni nella terra dei Pitti, necessitato forte leadership centrale sotto forma di un re di tutte le tribù, anziché il vecchio sistema di molti capi tribali unendo per un tempo sotto la guida di un unico leader. Anche se non è chiaro perché i Pitti sentivo la necessità di un governo centrale, si è pensato che possono avere attribuito efficacia Northumbria nella conquista al loro re e così ha cercato di proteggere le loro terre impiegando lo stesso sistema di governo.
Northumbria aveva le risorse e la manodopera per prendere grandi porzioni di terreno da tribù come gli scozzesi, che erano arrivato dall'Irlanda e si stabilì in Dalriada Argyll e i Britanni di Strathclyde; i quali erano quindi soggette agli angoli del Regno di Northumbria. Gli angoli avevano sequestrato anche parti delle terre dei Pitti a nord, soggiogando le persone e l'installazione di re che si sentivano servirebbe ai loro scopi. Uno di questi re dei Pitti fu Bridei Mac Billi (meglio conosciuto come Carmelo Mac Bile) che è considerato uno dei più grandi, se non il più grande dei re dei Pitti per arrestare l'avanzata di angoli di Northumbria e liberando le sue terre della loro influenza. In tal modo, avrebbe anche togliere il giogo della Northumbria i Britanni e gli scozzesi a sud, così come altre tribù e più o meno impostato i primi confini di quello che sarebbe poi diventato, Inghilterra, Scozia e Galles.
Il re della Northumbria Ecgfrith, che era cugino di Carmelo, può lo hanno aiutato a potenza a condizione che Carmelo trasmetterebbe regolarmente il tributo e vuoi lavorare per gli interessi di Ecgfrith. Questa affermazione è stata contestata, tuttavia, e si è anche pensato che Carmelo è venuto al potere dopo i northumbriani sconfissero il re dei Pitti settentrionali, Drest Mac Donuel a battaglia dei due fiumi nel 670 CE. Comunque Carmelo è venuto al potere, è chiaro che egli doveva inviare tributo sud Northumbria. Carmelo, tuttavia, non aveva alcuna intenzione di farlo e, anche se sembra che inizialmente ha mandato tributo in forma di bestiame e grano, questa pratica si è conclusa poco dopo che egli aveva consolidato il suo potere. Ecgfrith era difficilmente soddisfatto di questo sviluppo, ma è diventato più sconvolto di Pictish incursioni nel suo regno a sud di Adriano ora fatiscenti e parete indifesa. Ecgfirth ha deciso che era ora di togliere Carmelo e insegnare i Pitti una lezione importante, ma è stato consigliato di provare la diplomazia prima battaglia.
Allo stesso tempo, Carmelo era ulteriormente consolidando il suo potere sottomettendo ribelle sub-capi Pict. Nel 681 CE ha preso la roccaforte di Dunottar e di 682 CE aveva una Marina di adeguate dimensioni e forza a vela alle isole Orcadi e sottomettere le tribù ci. A seguito di questa vittoria, ha preso la capitale scozzesi di Dunadd ad ovest che, da 683 CE, aveva assicurato i suoi confini settentrionali, orientali e occidentali (Orkney, Dunnottar e Dunadd) e solo dovuto occuparsi di un attacco direttamente dal sud.
Questo attacco è venuto nel maggio di 685 CE quando Ecgfirth non poteva più tollerare minacce di carmelo alla sua regola e rifiutò il Consiglio dei suoi consiglieri per cercare ulteriori misure diplomatiche. Ha mobilitato una forza di cavalleria (possibilmente numerazione circa 300) per mettere giù che cosa ha visto come una ribellione dei Pitti nelle sue terre. I Pitti sotto Carmelo attirato la forza angolo più profonda e più profonda nel loro territorio e poi ha colpito in un luogo conosciuto nelle cronache inglesi come Nechtansmere e in gallese cronache come Linn Garan; gli Annali dell'Ulster si riferiscono ad essa come Dun Nechtain e questo è il nome più comunemente fatto riferimento dagli storici. Le forze di angolo si sono trovano tra l'esercito dei Pitti, che si dice che hanno numerato nelle migliaia e le paludi del lago. Ecgfirth, realizzando la sua posizione pericolosa, ha optato per una carica su vasta scala della sua cavalleria in salita a rompere la linea Pitti nel centro. Carmelo, tuttavia, è caduto indietro, fingendo la ritirata e poi e ha tenuto la linea. Ha respinto l'accusa, inviando gli angoli avvolti in ritirata indietro giù per la collina e verso le paludi; poi, ha contro accusato. Lo storico Beda, che dà il resoconto più dettagliato della battaglia, scrive:
Il nemico ha finto di ritirarsi e attirato il re in passi di montagna stretta, dove è stato ucciso con la maggior parte delle sue forze il XX maggio nel suo quarantesimo anno e il quindicesimo del suo regno...D'ora in poi la speranza e la forza del Regno inglese cominciò a vacillare e declino, per Pitti ha recuperato le proprie terre che erano state occupate dagli inglesi, mentre gli scozzesi che vivono in Gran Bretagna e una proporzione dei Britanni stessi ha riacquistato la libertà. Molti degli inglesi in questo momento furono uccisi, schiavizzati o costretti a fuggire dal territorio dei Pitti (McHardy, 124).
La battaglia di Dun Nechtain ha rotto il potere di Northumbria e fissati i confini delle terre dei Pitti che, più tardi, sarebbe diventato la Scozia. I missionari cristiani degli angoli ha anche guidato fuori dalle terre dei Pitti, che ha consentito per l'originale Columban marca del cristianesimo a prendere tenere nelle highlands invece il marchio romano che era stato accettato dagli angoli. Carmelo continua a governare fino alla sua morte nel 693 CE; momento in cui il suo regno era sicuro e in pace. Gli succedette un re impopolare, Taran, che fu deposto dopo quattro anni e succeduto da Carmelo Mac Derile, che ha sconfitto un altro anglicana invadendo la forza nel 698 CE ed emise il famoso decreto, dettati di St Adamnan, conosciuta come la "legge di innocenti" che ha fissato le linee guida per l'ingaggiando della guerra al fine di proteggere donne e bambini, cleroe altri non-combattenti.

Le guerre di religione & la croce di Sant'Andrea

Carmelo Mac Derile morì nel 706 CE e venne succeduto da suo fratello, Nechtan Mac Derile, che hanno favorito la versione angoli del cristianesimo Columban, o celtica, Chiesa. La fonte primaria della contesa tra i due era la datazione della celebrazione della Pasqua, come pure questioni secondarie come come i monaci devono indossare i loro capelli e comportarsi. Il più grave problema di fondo, tuttavia, era che la chiesa celtica era basata localmente mentre gli Anglicani avevano scelto di porsi sotto i dettami del Papa a Roma. Questo significava che la chiesa celtica di proprietà propria terre mentre chiese a sud erano effettivamente posseduti e funzionati da Roma; sacerdoti nella terra dei Pitti è venuto dalla comunità locale, quelle a sud sono stati nominati dall'autorità della Chiesa cattolica in Italia. Non è chiaro perché Nechtan favorì la versione cattolica del cristianesimo ma, nel 710 CE, ha emesso un decreto reale di tutte le chiese nel suo regno che dovrebbero accettare la datazione romana cattolica della Pasqua e rispettare i dettami della Chiesa cattolica altri per quanto riguarda.
Questo decreto è stato visto da Pitti come la resa agli angoli del sud, ma hanno obbedito, tuttavia, a malincuore, fino al 724 CE quando Nectan abdicò la corona di fronte alla crescente ostilità alla sua regola e si ritirò in un monastero. Non appena aveva lasciato il trono, la terra ha scoppiato nella guerra civile tra gli aderenti della chiesa celtica e coloro che erano venuti a preferire il cattolicesimo romano. Per cinque anni la terra dei Pitti fu divisa da quasi quotidiano conflitto tra queste due sette, ma il combattimento sarebbe in realtà durano più a lungo, fino a quando CE c. 734, e nessuno dei re che seguirono Nechtan sembrava avere il potere di fermare l'uccisione. Infine, nel 734 CE, Oengus figlio di Uurguist, salì al trono e prese il controllo. Sembra che egli era in grado di unire i Pitti concentrando la loro ostilità contro un nemico diverso da se stessi o gli angoli: lo Scoti di Dalriada. Egli invase Dalriada nel 734 CE e, nel 736 CE, catturato la cittadella di Dunadd. Gli scozzesi furono sconfitti e soggiogati da 750 CE e Oengus poi rivolto la sua attenzione per i Britanni; ma fu sconfitto nella battaglia di Mocetauc.
Seguito Oengus, altri re governarono con più o meno la distinzione fino all'ascesa di Constantin figlio di Fergus in 780 CE che consolida le vittorie di Oengus in un unico regno sotto il suo governo. Constantin Unito i Pitti e gli scozzesi e fu il primo sovrano scozzese ad essere conosciuto come Ard Righ-'alto re' - degli scozzesi. Quando egli morì nel 820 D.C., figlio di Fergus fratello Angus salì al trono. Angus è meglio conosciuto come il sovrano che ha visto la visione della Croce di San Andrea in cielo, nuvole bianche, formando una 'X' contro lo sfondo blu, che più tardi sarebbe venuto per essere conosciuta come la croce di Sant'Andrea, bandiera della Scozia. Gli angoli sono stati nuovamente invadendo la terra del Picts e Scots e avevano riunito le loro forze in Mercia. La notte prima della battaglia, St Andrew Angus apparve in sogno e gli promise la vittoria in battaglia se il re sarebbe dedicare un decimo delle sue ricchezze al servizio di Dio. Angus ha accettato di questo e, il mattino successivo, la croce bianca apparve nel cielo come conferma dell'affare. La coalizione di Scots-Pitti sconfisse gli inglesi sotto Athelstan e Angus adottato il bianco 'X' su sfondo blu come suo standard.

Unificazione & Kenneth Mac Alpin

Anche se i Pitti e gli scozzesi si erano Uniti sotto Constantin, storia questo crediti regolarmente al re successivo, Cinaed Mac Alpin, meglio conosciuto come Kenneth Mac Alpin. Un popolare, a lungo in circolazione e ancora citato nei libri di storia, racconta come Kenneth fu un re degli scozzesi che, attraverso l'intrigo e l'inganno, è stato accolto dalla Corte del re dei Pitti e poi ucciso la famiglia reale e si impadronì del trono. Borsa di studio e gli storici moderni respingere completamente questa versione dei fatti. Le fonti originali esplicitamente nome Cinaed Mac Alpin come "re dei Pitti", non degli scozzesi, e il suo nome è Pitta, non scozzese. La storia della sua "truffa o macellazione Pitti tutti sopravvivere solo in manoscritti medievali, con nessun precedente provenienza" (McHardy, 167).
È ampiamente riconosciuto oggi che Kenneth Mac Alpin discendeva da re Aed Find di Dalriada scozzese e Constantin figlio di Fergus di Pitti; era pertanto una gradevole scelta come re sia gli scozzesi e i Pitti. L'affermazione che ha spazzato via la nazione pitta con un contingente scozzese dopo aver ucciso la nobile Corte dei Pitti è insostenibile. In primo luogo, non ci era nessun 'Corte di Pitta' come è stato immaginato da più tardi scrittori medievali e, in secondo luogo, come notato, Kenneth Mac Alpin aveva un reclamo legittimo al trono dei Pitti e non avrebbe avuto alcuna necessità di esercitare forza per rivendicare il titolo di re. Kenneth Mac Alpin Regno del Picts e Scots più sicura Constantin, che li conduce nelle campagne contro gli inglesi per scacciarli completamente dalla regione che sarebbe diventata la Scozia. Egli salì al trono nel 843 CE e, in otto anni, esteso ulteriormente rispetto a qualsiasi altro governante della regione prima di lui il suo regno. Al momento della sua morte nel 858 CE, i confini della Scozia come nazione erano riconoscibili nella sua forma attuale e gli inglesi erano stati cacciati sud nelle loro terre.
Oltre l'inglese usurpazioni, Kenneth Mac Alpin ordinariamente dovuto respingere le crescenti incursioni dei Vichinghi che molestato la costa. Si trasferì le reliquie di St Columba dall'isola sacra di Iona di Dunkeld (nuova sede ecclesiastica), per proteggerli dalle incursioni di Viking e inoltre è accreditato con l'impostazione la pietra del destino a Scone, come simbolo di orgoglio nazionale e il potere di ispirare il suo popolo. Dopo la sua morte, le incursioni di Viking continuare e, come McHardy note:
Molte di queste incursioni erano estremamente brutale. Annali sopravvissuti da Irlanda e Inghilterra Dì dell'anno ripetute incursioni su anno. Le incursioni continuate per gran parte del secolo e nel tempo sono state accompagnate dai Vichinghi sedimentazione. Mentre molte delle incursioni sono state effettuate da manciate di Drakkar con fino a un paio di centinaia di predoni, c'erano anche alcuni anni quando i nordici arrivati in forza molto maggiore. Essi sono riusciti a prendere su gran parte della Scozia a nord di Inverness, isole Ebridi e le isole settentrionali delle isole Orcadi e Shetland, e sono venuti vicino a conquistare totalmente i Pitti in almeno un'occasione (161).
In risposta alla minaccia delle invasioni vichinghe, Pitti e Scoti divennero ancora più unificate. Giric, figlio di Donald Mac Alpin, fratello di Kenneth, è l'ultimo sovrano di cui come 're dei Pitti', e dopo la sua morte in c.899 CE i Pitti non sono menzionati nella storia nuovamente. McHardy scrive: "i popoli tribali di origine Pitta e scozzese combinati per formare la nuova entità politica di Alba, che a sua volta divenne Scozia" (175). Il dottor Gordon Noble supporta questa affermazione, affermando che non c'era "un amalgama aumentante del Picts e Scots - probabilmente a causa della crescente pressione di Viking sui regni nativi della Gran Bretagna settentrionale" (Wiener, 3). I Pitti del mondo antico non scomparvero, né essi erano conquistate e distrutta; sono rimaste, le popolazioni indigene del nord della Scozia, e loro antenati ancora cammino le loro terre e campi al giorno d'oggi

Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 18 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Rex Pictorum: La storia dei re dei Pitti di Ronald Henderson
  • Sconcertanti Pitti antichi della Scozia da James Wiener
    http://etc.Ancient.eu/2013/11/29/The-Puzzling-Ancient-Picts-of-scotlan...
  • Keay, J. & J. Collins Enciclopedia della Scozia. HarperCollins Publishers, 2001.
  • MacLean, F., una storia concisa della Scozia. Casa Beekman, 1970.
  • McHardy, S. una nuova storia dei Pitti. Luath Press Ltd, 2011.
  • Il Somerset Fry, P. & F. storia della Scozia. Barnes & Noble, 1995.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…