Definizione e significato di Mosaico | Concetto e Che cos'è

Che cosa è un Mosaico?


Mosaico è un lavoro decorativo praticato fin dai tempi antichi. Molti di loro sono considerati grandi opere d'arte. Piccole parti (piastrelle) sono formate da rocce come marmo, altre pietre e pasta di vetro, ceramica smaltata, ecc. Tutte queste parti piccole, di diversi colori e forme, sono disposti in diversi modi, ottenendo importanti effetti decorativi, che possono essere piccole o grandi superfici come pavimenti, pareti, cupole, ecc.

I mosaici sono opere molto vecchio. È noto che i primi mosaici sono state fatte in Uruk, una città mesopotamica, circa quattromila anni prima di Cristo. Major aveva in Grecia, dal IV secolo A.C., sono stati creati in mosaico di ciottolose in bianco e nero e a colori. Più tardi, nel secondo secolo A.C. sono stati introdotti a Roma, dove usati piccoli pezzi di pietra scolpite in forma di cubi. Hanno evidenziato i mosaici di marmo, quali anche aggiunti pezzi di terracotta invetriata, frammenti di vetro e anche, talvolta, pietre come agata, malachite, corniola e lapislazzuli. Infine, le vetrate sono stati utilizzati molto di più.

Il mosaico è stato per molti secoli, molto importanti per il cristianesimo, che è stata espressa attraverso questa arte. Nell'impero romano d'Oriente, erano molto utilizzati per coprire muri e cupole. Già nel IX secolo, importanti opere sono state create nell'età dell'oro dell'arte bizantina. Importanti edifici decorati in molti paesi. Nel XVI secolo, l'arte è stata conservata soprattutto a Roma, dove fu utilizzato per decorare la basilica di San Pietro. Successivamente, il mosaico ha sofferto un oblio che durò fino al XX secolo, dove ha acquisito popolarità del nuovo interesse per le arti decorative.

Tipi di mosaici eccezionali includono il mosaico romano, utilizzando materiali duri come il marmo e gres porcellanato, che sono piccole tessere di diversi colori per creare disegni decorativi, finalizzati soprattutto alla pavimentazione. È anche importante il mosaico in ceramica, che utilizza parti regolari per il rivestimento di pareti, soffitti o colonne. Per quanto riguarda il mosaico veneziano, utilizza pezzi di vetro opaco, soprattutto per i più piccoli impianti, ma di grande bellezza. Un'altra tecnica è il trencadis, che usato specialmente irregolari piastrelle di ceramica per realizzare opere molto suggestive e utilizzando vari rotto piastrelle.

Ci sono diverse tecniche per fare mosaici. La più antica è la diretta, cuciti nel disegno precedentemente composizione indicando sulla superficie, la distribuzione dei colori. Poi messo le piastrelle di colori, che sono in ammollo con un cemento con calce o stucco con bagno d'olio. Un altro metodo è quello di cartone, che utilizza un cartone con il disegno che si svolgerà. Parti sono attaccare sul cartone per coprirlo, quindi capovolgerla e applicano alla superficie che sta per decorare, che si deve applicare in precedenza con cemento o mastice. Il cartone viene rimosso quando il cemento o il mastice indurisce. Sono distribuiti più semplici metodi usati basi di legno su cui le piastrelle bloccato con colla.

I più comuni materiali usati in un mosaico oggi sono le tessere di smalti, che sono realizzati in vetro che si fonde con la colorazione di ossidi metallici ad alte temperature. Vetro fuso viene versato in metalli spaccature piastre e si raffredda con pinze nella stampa, solitamente quadrate forme. Inoltre sono usati smalti oro, che vengono compiute mediante l'applicazione di foglia d'oro su vetro, che poi si scioglie. È anche possibile fare mosaici utilizzando qualsiasi materiale frangibile disponibile a persone, come piatti, specchi, conchiglie, tappi bottiglia, ecc.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano