Passa ai contenuti principali

Anfipoli | Origine e storia.

Definizione: Anfipoli  

da Mark Cartwright
clip_image001
Anfipoli, situato su una pianura in Macedonia settentrionale vicino Pangaion mt e il fiume Strimone, era una colonia ateniese fondata c. 437 A.C. sul sito di Ennea Hodoi tracio più anziano. Tucidide riferisce che l'Hagnon generale ateniese così chiamata la città perché lo Strimone circonda il sito su tre lati ("amphi" significa "su entrambi i lati") e si riferisce anche che ha costruito un muro di fortificazione su un fianco non protetto. La città e il suo porto di mare, Eione, prosperò grazie alla sua favorevole posizione geografica e la vicinanza di abbondanti risorse naturali, soprattutto di oro, argento e legname. Nel 2012 CE un'imponente tomba ellenistica fu scoperto, uno dei più importanti archeologici trova degli ultimi 40 anni che ha, ancora una volta messo Anfipoli in calce-luce.

Panoramica storica

Lo spartano Brasida generale conquistò la città nel 424 A.C. e sconfitto Kleon quando Atene tentò di ri-prendere Anfipoli due anni più tardi. In quest'ultima battaglia Brasida aveva brillantemente impiegati suo peltasti per sconfiggere il più grande esercito oplita ateniese, ma il capo spartano se stesso alla fine soccombere alle sue ferite. Il grande comandante militare fu sepolto nell'Agorà della città e onorato con giochi annuali. Anfipoli sono tornato sotto controllo ateniese dopo la pace di Nikias nel 421 A.C.; Tuttavia, la Amphipolitans, nel caso, ha scelto di restare un indipendente di polis (città-stato) e nel 367 CE strinse un'alleanza con le poleis. Nel 364 A.C. gli ateniesi, ancora desiderosi come sempre a garantire il loro approvvigionamento di grano dal Mar Nero, ancora una volta ha cercato di farsi maestri di Anfipoli strategicamente importante, questa volta guidato dal generale Timotheos e con l'incoraggiamento iniziale del re macedone Perdikkas III, che regnò Anfipoli in quel momento. Non volendo alla fine mano sopra la città, Perdikkas stabilita una guarnigione e, alla sua morte, il controllo macedone è caduto al suo successore, Philip II.
Una capitale amministrativa macedone, la città fu probabilmente anche il sito della più importante zecca macedone.
Anche se ora una città macedone, Anfipoli ha fatto conservare qualche grado di indipendenza e molte delle sue istituzioni politiche come una demo o Assemblea popolare, è rimasto intatto. Nel corso del tempo, come più macedone coloni si stabilirono a polis, Philip, e più tardi suo figlio Alessandro il grande, usato Anfipoli come base da cui partire per attaccare la Tracia e l'Asia. Probabilmente una capitale amministrativa macedone, la città fu anche il luogo della zecca macedone più importante dove, tra gli altri, i famosi stateri d'oro sono state prodotte. Il sito è stato anche una fonte di documentazione riguardante i regolamenti militari macedoni. Siamo informati che i soldati che visualizzato grande coraggio sul campo di battaglia dovrebbero essere data una doppia quota del bottino, che un generale dovrebbe assicurare il suo esercito non devastare un territorio sconfitto bruciando mais o distruggendo le viti, e che soldati devono avere il loro equipaggiamento in ordine, non dormire sul dovere di guardia e segnalare tali errori tra i loro compagni a loro superiore. I trasgressori potrebbero essere multati e coloro che li hanno segnalato ha ricevuto un bonus.
Quando Roma conquistò la Macedonia nel 168 A.C., Anfipoli conservato qualche importanza come una delle quattro capitali regionali. La città era un punto di arresto importante l'autostrada via Egnatia , che collegava la Grecia all'Asia. La città ha acquistato imponenti fortificazioni, soprattutto intorno all'Acropoli antica, oltre 7.000 metri di lunghezza e oltre 7 metri di altezza in luoghi di misura. Augustus ha conferito lo status di civitas libera, rendendola una città libera e l'imperatore fu anche dato il titolo di Ctiste o fondatore. In tempi successivi, da c. 500 CE, Anfipoli divennero sede di una sede episcopale e non meno di quattro basiliche attestano l'importanza religiosa del sito nella tarda antichità. Il sito fu abbandonato nei secoli VIII e IX CE seguendo le invasioni slave dopo che i cittadini di Anfipoli riassegnato a Eione vicine che sono sopravvissuti fino al periodo bizantino. Anfipoli fu nuovamente si stabilì nel XIII-XIV secoli CE, da quale periodo sopravvivono i resti di due torri.
clip_image002
Statere d'oro macedone

Resti archeologici

Gli scavi di Roman Amphipolis hanno rivelato tracce di tutta l'architettura impressionante, ci si aspetterebbe da una fiorente città romana. Un ponte, palestra, monumenti pubblici e privati, santuari e cimiteri attestano la prosperità della città. Del primo periodo cristiano (dopo 500 CE) ci sono tracce di quattro basiliche, un grande edificio rettangolare che potrebbe essere stato un Episcopio e una chiesa.
Basilica A era una basilica a tre navate con due piani e due file di dieci colonne giù la sua lunghezza. È stato costruito sul sito del bagno romano. Parti del marmo pavimentazione, alcuni mosaici policromi di fauna selvatica, pezzi di una piattaforma esagonale e due file di sedili del synthronon sopravvivono. Basilica B originariamente misurato alle 16.45 x 41,6 metri e aveva troppo mosaici e decorazioni in marmo. Basilica C risale alla seconda metà del v secolo D.C. e aveva due colonnati interni di sei colonne, di cui sopravvivono le basi, così come i mosaici di vari geometriche e disegni della fauna selvatica. Basilica D è contemporanea con la Basilica C e aveva un marmo e mattoni pavimenti; 15 basi di colonne e mosaici vari anche sopravvivono.
La grande struttura rettangolare, che può esser servita da un palazzo episcopale misurato oltre 48 metri di larghezza e pareti 1.3 metri di spessore. Sopravvivono tre cisterne nell'angolo sud-ovest costruito utilizzando cemento impermeabile. Un altro edificio di interesse è la chiesa paleocristiana che comprendeva una grande camera esagonale, circondata da un muro circolare. La chiesa del VI secolo aveva due piani con colonnati e gran parte degli interni è stato piastrellato con marmo, tra cui la pavimentazione a mosaico-piastrella. Infine, due torri bizantine sopravvivere entrambi i lati del fiume Strimone. La meglio conservata è la torre nord, costruita nel 1367 CE e che si trova 10 metri alto e originariamente aveva tre storie. Entrambe le torri offrirono qualche protezione per il vicino monastero sul Monte Athos.

La tomba di Anfipoli

Il tumulo di sepoltura del IV secolo A.C., presso Anfipoli fu scoperto nel 2012 CE ed è uno dei più importanti ritrovamenti archeologici degli ultimi 40 anni. Ha un muro di cinta misura quasi 500 metri di circonferenza e costituisce il luogo di sepoltura più grande mai trovato in Grecia. La scala e l'imponente architettura della tomba, che utilizza il marmo importato da Thassos, suggeriscono che l'occupante era una persona di grande importanza. È stato scoperto uno scheletro quasi intatto all'interno di una bara di legno posizionata in una tomba di pietra calcarea nella terza camera del complesso. L'archeologo capo presso il sito di Katerina Peristeri, ha dichiarato che la tomba datata a dopo la morte di Alessandro Magno (323 A.C.) e, "con tutta probabilità appartiene a un maschio e una generale". Manufatti dal complesso includono un grande leone di pietra (scoperto nel 1912 CE ma ora si pensa di avere un tempo sorgeva in cima al tumulo), due cariatidi, due sfingi e un mosaico a ciottoli grandi misura 4.5 da 3 metri che raffigura il Dio Ade rapire Persefone in un carro guidato da Hermes. Gli storici e appassionati con impazienza i risultati delle ricerche in corso sulla tomba di Anfipoli e a scoprire solo che fu sepolto in una tomba tale splendida.

Scritto da Mark Cartwright, pubblicato il 30 novembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Notizie di BBC - scoperta di Anfipoli
  • Baganll, R.S. et al., l'enciclopedia di storia antica, Volume 13 Set. Wiley-Blackwell, 2012.
  • Campell, b. manuale Oxford di guerra nel mondo classico. Pressa dell'Università di Oxford, 2013.
  • Chaniotis, a. guerra nel mondo ellenistico. Wiley-Blackwell, 2005.
  • Hornblower, S. dizionario Oxford classica. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
  • Kinzl, K.H. compagno al mondo greco classico. Wiley-Blackwell, 2010.
  • Zikos, N. Anfipoli. Vecchio Vicarage Publications, 1994.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…