Passa ai contenuti principali

Strade romane | Origine e storia

da Mark Cartwright Il lungo rettilineo strade costruite dai Romani ovunque hanno conquistato, in molti casi, diventati solo come nomi famosi nella storia come il loro più grande degli imperatori e generali. Basandosi sulle più antiche rotte e creando un enorme numero di nuovi, Roman ingegneri erano audaci nei loro piani per unire un punto a altro in come straight una linea qualunque possibile le difficoltà nella geografia e i costi di manodopera. Di conseguenza, strade utilizzate ponti, viadotti, gallerie e molti altri trucchi di architetturale ed ingegneria per creare una serie di monumenti mozzafiati ma molto pratici, che si è sparso dal Portogallo a Costantinopoli. La rete di strade romane pubblici coperto oltre 120.000 km, e assistito notevolmente la libera circolazione delle merci, eserciti e persone in tutto l'impero. Strade erano anche un indicatore molto visibile della potenza di Roma, e hanno aiutato indirettamente a unificare ciò che era un vasto melting pot di culture, razze e istituzioni.
clip_image002
Roman Road, Spagna

La rete stradale romana

I Romani non hanno inventato le strade, naturalmente, ma, come in tanti altri campi, hanno preso un'idea che è andato indietro fino all'età del bronzo ed esteso tale concetto, audace di spremere da esso la massima possibile potenziale. La prima e la più famosa strada romana grande era la Via Appia (o la via Appia). Costruito dal 312 A.C. e coprendo 196km (132 miglia romane), collegato Roma a Capua nel come straight una linea come possibile ed era noto ai Romani come Regina viarum o 'Regina delle strade'. Molto simile a una moderna autostrada, non passare attraverso meno importanti città lungo la strada, e largamente ignorato gli ostacoli geografici. Ad esempio, l'impressionante 90 km tratto da Roma a Terracina è stato costruito in una singola linea retta. La strada più tardi sarebbe estesa fino a Brundisium e così raggiungere 569 km di lunghezza (385 miglia romane).
La rete gradualmente diffusa in tutto l'impero dalla Gran Bretagna in Siria e certe strade è diventato come ben noto e ben viaggiato come quelli intorno a Roma stessa.
Altre strade famose in Italia sono state la Via Flaminia che è andato da Roma a Fanum (Fano), la Via Aemilia da Placentia a Augusta Praetoria (Aosta), Via Postumia da Aquileia a Genova (Genova), la Via Popillia da Ariminum (Rimini) a Padova nel nord e da Capua a Rheghium (Reggio Calabria) nel sud e molti altro ancora, tutto con estensioni fatte nel tempo. Le strade divennero così famose che hanno dato anche i nomi di paesi e regioni. La rete gradualmente diffondersi in tutto l'impero dalla Gran Bretagna in Siria, e certe strade è diventato più ben noto e ben viaggiato come quelli intorno a Roma stessa. Ad esempio, Via Domitia (iniziato nel 116 A.C.) è andato da Alpi francesi ai Pirenei e fu preziosa per i movimenti di truppe nelle campagne in Spagna. C'era anche la Via Egnatia (cominciato nel metà di secondo secolo A.C.), che attraversava la penisola balcanica e si è conclusa a Byzantium, rendendolo un itinerario di terra vitale tra le parti occidentali ed orientali dell'Impero.
Per raggiungere l'obiettivo di costruire i percorsi più brevi possibili tra due punti (spesso non visibile uno a altro), tutto il modo delle difficoltà di ingegneria ha dovuto superare. Una volta estesa indagine è stata effettuata per garantire che l'itinerario proposto è stato effettivamente dritto e determinare quali vari metodi di ingegneria sono stati richiesti, paludi dovevano essere svuotato, foreste a tagliare, insenature deviati, bedrock canalizzate, versanti tagliati in, fiumi attraversati con ponti, valli attraversate con viadotti e tunnel costruito attraverso le montagne. Una volta che tutto ciò che è stato fatto, strade dovevano essere livellata, rinforzata con pareti di supporto o terrazzamenti e poi, naturalmente, mantenuta, che erano per oltre 800 anni.
clip_image003
Rete stradale romana
Oltre permettendo il rapido dispiegamento di truppe e, soprattutto, i veicoli a motore che ha fornito loro cibo e attrezzature, strade romane ha permesso un aumento nel commercio e scambio culturale. Strade erano anche uno dei modi che Roma poteva dimostrare la sua autorità. Per questo motivo molte strade iniziarono e terminato in un arco di Trionfo e il prestigio imperiale associato a realizzare il progetto è stato dimostrato nel fatto che strade molto spesso sono stati nominati dopo il funzionario del magistrato che hanno finanziato quindi, per esempio, la Via Appia prende il nome dal censore Appio Claudio cieco.

Materiali & progettazione stradale

Le strade principali erano intorno standard 4,2 m di larghezza, che era abbastanza spazio per due veicoli a ruote-passare a vicenda. Strade erano finiti con una superficie di ghiaia a volte mescolata con calce o, per le sezioni più prestigiosi quali città vicino, con blocchi di pietra vestite di tufo vulcanico, ciottoli o pietre per lastricati di calcare o di basalto (silice). In primo luogo è stata scavata una trincea e una fondazione (rudus) fu posata utilizzando ghiaia ruvida, mattone tritato, materiali di argilla o anche in legno pali in aree paludose e impostare tra i cordoli. In cima a questo uno strato di ghiaia più fine è stato aggiunto (nucleo) e la strada era poi emerso con blocchi o lastre (summum dorsum). Strade di montagna potrebbero anche avere creste che attraversano la superficie per dare alla gente e animali migliore trazione e sono solchi tagliati nella pietra per guidare veicoli a motore.
clip_image004
Superficie stradale romana
Strade volutamente erano inclini leggermente dal centro verso il marciapiede per consentire all'acqua piovana di colare lungo i lati, e per lo stesso scopo molti avevano anche fognature e canali di drenaggio. Un sentiero di ghiaia imballato per i pedoni in genere correva lungo ogni lato della strada, variano in larghezza da 1-3 metri. Che separa il percorso dalla strada, il marciapiede era costituito da lastre verticali regolari. Inoltre, ogni 3-5 metri c'era un blocco superiore impostata nel marciapiede che ha smesso di ruote traffico a cavallo sul sentiero e ha permesso la gente a montare i loro cavalli o animali da soma. Tratti più frequentate strade principali avevano zone dove il traffico poteva accostare e alcuni di questi avevano servizi per i viaggiatori e i loro animali troppo. Pietre miliari sono state istituite anche a intervalli regolari e questi spesso registrato che è stato responsabile per la manutenzione di quel tratto di strada e le riparazioni che cosa era stato fatto.
Ponti, viadotti e gallerie
Simboli duraturi della fantasia degli ingegneri romani sono molti ad archi di ponti e viadotti ancora in piedi tutto l'impero. Dai primi ponti come il Ponte di Mele vicino a Velletri con sua volta unico e modesto span di 3,6 m per il viadotto di 700 m lungo, 10-arco sopra il fiume Carapelle, queste strutture ha contribuito a raggiungere obiettivo rettilinea macchinisti. I Romani costruirono all'ultimo, e i pilastri dei ponti che attraversarono fiumi, ad esempio, sono stati costruiti spesso con una forma più resistente a prua e usato durevole massicci blocchi di pietra, mentre le parti superiori erano costruiti in pietra blocchi rinforzati con staffe di ferro, usato mattoni e cemento più conveniente o sostegno una sovrastruttura piatta in legno. Forse il più imponente ponte fu a Narni. lunga 180 m, 8 m di larghezza e alto come 33 m, aveva quattro massicce arcate semicircolari, uno dei quali, stretching 32,1 m, truppa fra il più lungo arco di blocco campate nel mondo antico. Due dei ponti meglio sopravvissuti sono Ponte Milvio a Roma (109 A.C.) e il ponte sul fiume Tago a Alcantara (106 A.C.) al confine spagnolo-portoghese.
clip_image005
Ponte romano, Pont-Saint-Martin
Gallerie erano un'altra caratteristica essenziale della rete stradale se lunghe deviazioni dovevano essere evitati. I più importanti includono tre tunnel costruito nei secolo A.C.: Cumaea, che si estendeva a 1.000 m di lunghezza, Cripta Neapolitano 705 m di misura e la Grotta di Seiano 780 m di lunghezza. Gallerie sono stati costruiti spesso di escavazione da entrambe le estremità (Counter-scavo), una prodezza che ovviamente necessaria la precisa geometria. Per assicurarsi che entrambe le estremità incontrate, alberi erano a volte forati giù dall'alto per controllare l'avanzamento dei lavori, e alberi potrebbero essere utilizzati anche per accelerare lo scavo e lavorare al rock da due angolazioni. Tuttavia, quando lavorare attraverso la roccia solida, progresso era noiosamente lenta, forse poco quanto 30 cm al giorno, con conseguente tunnel progetti durano anni.

Conclusione

Strade romane erano, quindi, le arterie dell'Impero. Hanno collegato le comunità, città e province, e senza di loro sicuramente non è hanno conquistato e tenuto su vasti territori romani hanno fatto nel corso di tanti secoli. Inoltre, tale era la progettazione e la misurazione delle competenze dei romani che molte delle loro strade hanno fornito la base per centinaia di percorsi di oggi in tutta Europa e Medio Oriente. Molte strade in uso ancora Italia originale romano nome per alcuni tratti e anche alcuni ponti, come a Tre Ponti nel moderno Fàiti, ancora trasportare traffico stradale oggi.

Inserito da Mark Cartwright, pubblicato il 17 settembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Barchiesi, a. studia il manuale di Oxford del romano. Oxford University Press, 2010.
  • Grant, M. storia di Roma. Prentice Hall, 1978.
  • Hornblower, S. dizionario Oxford classica. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
  • Oleson, J.P. manuale Oxford di ingegneria & di tecnologia nel mondo classico. OUP, Paperback(2009), 2014.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…