Passa ai contenuti principali

No attacchi agli altri i proprio Errori - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


L'uomo ha cominciato a sospettare che la sua moglie Anita si trovava sorde e, un giorno, ha deciso di check it out. Entrò in silenzio nella stanza, mentre lei lo vide e si nascose. Lei era seduta tranquillamente su mobili colpendo alcuni pulsanti per una camicia.
-Anita! ha detto, mi senti?
C'è stata alcuna risposta. Allora, avanzate di sedersi a pochi metri di
Lei.
-Anita! -ripete - riesci a sentirmi?
C'era anche ora risposta. L'uomo si avvicinò ancora di più, ritornò a chiedere ancora una volta:
- E ora, riesci a sentirmi?
-Sì, caro ha detto Anita gentilmente, non capisco perché voi mi chiedono tante volte, se ti ho già detto tre volte sì.
Spesso, ci proiettano su altri nostri errori e achacamos loro con i nostri errori e difetti. Pregiudizi e paure non fateci vedere gente come realmente sono, ma li vediamo come siamo. Come forse siamo piccoli e meschini pensiamo che tutti sono anche, e speriamo di agire come noi avrebbe agito. "Che il ladro che sono tutti di loro condizione", il vecchio detto e spesso ci scusi il nostro atto sulle presunte azioni degli altri. Diciamo che non siamo puntuali, responsabili, onesti, perché gli altri non lo sono, e stiamo proiettando sulla vicenda e cercando di giustificare la nostra propria irresponsabilità. Se volete conoscere i vostri studenti, mettetevi nei loro panni, si sforzano di guardare al loro mondo, loro problemi, delle loro prestazioni, con gli occhi, non con i tuoi cari che vengono caricati con malizia:
È ben noto alla storia giapponese di quei due monaci, Tanzan ed Ekido, che, quando sono tornati al suo monastero, sequestrato una pioggia torrenziale. Dopo un po', vide una giovane donna, vestita in un bellissimo kimono di seta, esitando ad attraversare un piccolo ruscello che scendeva dalla montagna e aveva completamente allagato la strada. Tura è venuto in suo aiuto, caricato e tra le sue braccia, attraversato il torrente e lasciarlo tranquillamente verso l'altro lato della strada. Ekido rimase in silenzio, visibilmente sconvolto, durante il resto del tragitto. Infine, quando sono già arrivati al cancello del monastero, Ekido caduto in rabbia tutto il reclamo:
-Si presume che i monaci non devono toccare le donne, molto di più se sono giovane e bella come che hai caricato sull'acqua. Non so come hai potuto commit così grave...
Denuncia e le sue parole sorpreso Tanzan che aveva dimenticato l'incidente completamente. Egli fissò negli occhi di Ekido e ha detto:
-Senti, ho lasciato la donna indietro verso l'altro lato della strada coperta da acqua. Ma sembra che ancora ' tenere sollevandola.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…