No attacchi agli altri i proprio Errori - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


L'uomo ha cominciato a sospettare che la sua moglie Anita si trovava sorde e, un giorno, ha deciso di check it out. Entrò in silenzio nella stanza, mentre lei lo vide e si nascose. Lei era seduta tranquillamente su mobili colpendo alcuni pulsanti per una camicia.
-Anita! ha detto, mi senti?
C'è stata alcuna risposta. Allora, avanzate di sedersi a pochi metri di
Lei.
-Anita! -ripete - riesci a sentirmi?
C'era anche ora risposta. L'uomo si avvicinò ancora di più, ritornò a chiedere ancora una volta:
- E ora, riesci a sentirmi?
-Sì, caro ha detto Anita gentilmente, non capisco perché voi mi chiedono tante volte, se ti ho già detto tre volte sì.
Spesso, ci proiettano su altri nostri errori e achacamos loro con i nostri errori e difetti. Pregiudizi e paure non fateci vedere gente come realmente sono, ma li vediamo come siamo. Come forse siamo piccoli e meschini pensiamo che tutti sono anche, e speriamo di agire come noi avrebbe agito. "Che il ladro che sono tutti di loro condizione", il vecchio detto e spesso ci scusi il nostro atto sulle presunte azioni degli altri. Diciamo che non siamo puntuali, responsabili, onesti, perché gli altri non lo sono, e stiamo proiettando sulla vicenda e cercando di giustificare la nostra propria irresponsabilità. Se volete conoscere i vostri studenti, mettetevi nei loro panni, si sforzano di guardare al loro mondo, loro problemi, delle loro prestazioni, con gli occhi, non con i tuoi cari che vengono caricati con malizia:
È ben noto alla storia giapponese di quei due monaci, Tanzan ed Ekido, che, quando sono tornati al suo monastero, sequestrato una pioggia torrenziale. Dopo un po', vide una giovane donna, vestita in un bellissimo kimono di seta, esitando ad attraversare un piccolo ruscello che scendeva dalla montagna e aveva completamente allagato la strada. Tura è venuto in suo aiuto, caricato e tra le sue braccia, attraversato il torrente e lasciarlo tranquillamente verso l'altro lato della strada. Ekido rimase in silenzio, visibilmente sconvolto, durante il resto del tragitto. Infine, quando sono già arrivati al cancello del monastero, Ekido caduto in rabbia tutto il reclamo:
-Si presume che i monaci non devono toccare le donne, molto di più se sono giovane e bella come che hai caricato sull'acqua. Non so come hai potuto commit così grave...
Denuncia e le sue parole sorpreso Tanzan che aveva dimenticato l'incidente completamente. Egli fissò negli occhi di Ekido e ha detto:
-Senti, ho lasciato la donna indietro verso l'altro lato della strada coperta da acqua. Ma sembra che ancora ' tenere sollevandola.

Tradotto per scopi didattici