Passa ai contenuti principali

Insegnare con la vita - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Dicono che, in un'occasione, Saint Francis di Assisi aveva invitato un giovane frate di accompagnarlo in città, a predicare. Erano in corso e sono stati per lungo tempo, camminare per le strade della città, saluto le persone che erano con affetto. Occasionalmente, si fermarono per accarezzare un bambino, un anziano di confortante, aiutare una donna tornando dal mercato caricato con borse.
Dopo un paio d'ore, Francis ha detto il partner che era tempo di tornare al convento.
- Ma non è venuto a predicare? -chiese il Monaco con stranezza.
Francisco rispose con un sorriso molto dolce:
-Abbiamo fatto da quando abbiamo lasciato. Non hai visto come la gente guardava la nostra gioia e sentivo consolati con i nostri saluti e sorrisi?
È possibile solo educare i valori, se uno si sforza e si sforza di costruire loro nella vostra vita. Spesso parliamo di valori, proponiamo i valori, ci mostrano valori, riflettono i valori ma non insegnamo loro perché non viviamo li, perché non ci impegniamo a li incarnano nella nostra quotidianità di atto.
I genitori e gli insegnanti dovrebbero considerare, con umiltà e responsabilità, vai modelli di natura morta per i loro bambini e studenti, affinché li percepiscono come persone impegnate al suo miglioramento continuo. Si possono insegnare solo i valori che si sforza di insegnare loro a se stesso, che sta lottando per uscire dalla loro debolezze e si impegna ogni giorno per essere migliore.
In una cultura e un mondo dove i bambini e i giovani sono bombardati da proposte di modelli hollow, narcisistico e aperture, dove la pienezza è degradata a mero mangiando e appaiono, abbiamo bisogno di trasformare profondamente le scuole attuali, se vogliamo davvero avere un impatto sulla formazione degli studenti. Di mere posti di insegnamento e istruzione o depositi dei bambini e dei giovani mentre i loro genitori sono al lavoro, scuole devono essere concepite come spazi per pratica, per vivere e sviluppare i valori che sono considerati essenziali per l'individuo e la Comunità. Pertanto, deve essere capito e assunto come comunità di vita, partecipazione democratica, il dialogo, lavoro e apprendimento condiviso. Comunità educativa che si rompono in assurde barriere artificiali tra scuola, famiglia e società, che si impara perché si vive, perché partecipa, in modo cooperativo costruite alternative ai problemi individuali e sociali, promuove l'iniziativa, le discrepanze sono tollerate, sono promosso e praticate ogni giorno e in tutte le istanze e a volte la solidarietà e il servizio.
Educare i valori implica che ogni insegnante e l'insegnante capisce e si presuppone che esso è non solo l'insegnamento una certa zona o materiale, ma fondamentalmente è maestro di umanesimo, che il loro ruolo va ben di là di trasmettere conoscenze o per preparare gli studenti a superare con successo una serie di test ed esami. Educare, ancora una volta, è gente di treno, cesellatura, cuori, orizzonti aperti e percorsi di vita e stimolare con l'esempio e la parola passi li.
Non mai dimenticate, ma uno che spiega SA o crede di sapere, uno insegna ciò che è.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…