Passa ai contenuti principali

Amore e tempo - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


C'era un isola magica, dove vivevano tutti i sentimenti: tristezza, gioia, umiltà, tenerezza, amore, illusione, in breve, tutti i sentimenti.
Un giorno, hanno ricevuto la notizia che ha dovuto lasciare l'isola perché ci sarebbe un terribile tsunami che si affonderebbe. Ciascuno dei sentimenti si precipitò a integrare la sua barca per lasciare l'isola appena possibile. L'unico che ha mostrato alcuna fretta era amore che, anche a rischio della sua vita, voleva rimanere tutto il tempo che era possibile su quell'isola che amava tanto. Quando erano già sentito lontano ruggiti di uragano si avvicina e una pioggia feroce cominciarono a scaricare sull'isola la sua ira, amore ha cominciato a chiedere aiuto. Fortunatamente, ancora sono state intraprendendo alcune sensazioni che avevano ritardato il caricamento loro barche o fare alcune commissioni personali.
-Ambizione, portami con te - gridato amore.
-Mi dispiace, non posso, come potete vedere, la mia barca è piena di oro, argento e pietre preziose. Non è niente di più. Se fossi in te, ci hundiríamos.
-Vanità, ti prego, aiutami - pregò poi love.
-No, no, tu sei bagnato e sporco, ho mancharías la barca, non riesco a prendere.
-Tristezza, lasciami non, portami con te.
-Si sente, amore, mi sento così male che preferisco andare da solo, non voglio vedere o parlare con nessuno.
Fu allora quando udì una voce che lo chiama:
-Amore, vieni con me, hai preso.
Era un vecchio già sgualcito, ma amore è stato così grato che dimenticato di chiedere il suo nome. Giunti a terra, l'uomo scomparso.
-Dimmi la saggezza - amore chiesto allora-, che era il vecchio che mi ha portato qui?
-Era il tempo.
-Il tempo? -Ha chiesto molto mancato amore, ma perché solo il tempo che voglio aiutare?
Saggezza rispose:
-Perché solo il tempo è capace di comprensione e aiuto un grande amore.
Il tempo è all'amore come il vento al fuoco: fa rivivere il forte e uccide i deboli. Passione è fugace, e il piacere per sua natura è fragile e deperibile. Vero amore, come il buon vino, invecchia con il tempo, andando acrisolando con coesistenza condivisa di tali, gioie, sofferenze e problemi. Solo il tempo Mostra se amore era profondo e reale, se si era seduto ferma radici e non l'illusione, in grado quindi per sopravvivere le difficoltà, le routine e le disavventure. Tempo sarà essere scalpellatura il volto del vero amore, scoprire nuovi tratti, sfumature insospettate e ignorati nella persona che è sempre amato. Tempo permette una comunione sempre più profonda, esperienza rinnovata e più matura intensità, oltre i miraggi e i fulmini della gioventù. Da qui l'importanza di educare il cuore, la forza, la responsabilità di essere in grado di vivere e costruire ogni giorno con entusiasmo nuovo amore. Come ha detto Saint Expupery, l'autore del piccolo principe: "l'amore non è essere guardando i due occhi lunghi, ma guardando i due nella stessa direzione". Amore implica un progetto comune, un lungo cammino insieme, una decisione di vivere per un altro e un altro per i più ricchi, per più poveri. Da qui la necessità di alimentare ogni giorno amano, non lasciarlo al trivialice o rutinice. L'amore è come l'acqua: se si ferma, marcisce e sta morendo. Solo l'acqua commovente ha vita e può dare, trasporta sulla sua mormorii di labbra di canzoni che cuori felici. A casa ha le stesse radici falò: l'amore è come il fuoco: se si interrompe l'alimentazione, spegne e lascia il gusto amaro delle ceneri sulle labbra.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…