Passa ai contenuti principali

Mani più belle - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori


Alberto Durero era un famoso pittore e incisore tedesco, senza dubbio il rappresentante più geniale del Rinascimento nel nord Europa. Uomo di un profondo umanesimo, goduto durante la sua vita di grande prestigio e popolarità. Tra le opere che la maggior parte delle persone come, e che sono stati riprodotti in milioni di copie, è loro mani"Orantes". Questa è la sua storia:
Alberto Durero e Franz Knigstein erano due giovani amici che hanno combattuto contro tutte le avversità per diventare artisti. Come erano molto poveri e non hanno alcun patroni che li aiutano, decisero che uno di loro avrebbe studiato l'arte e l'altra cercherebbe lavoro e coprirebbe i costi delle due. Hanno pensato che, quando il primo culminerà i loro studi e se un artista, con la vendita dei suoi quadri potrebbe sovvenzionare studi compagno.
Hanno gettato un sacco per decidere quale delle due vuoi andare prima all'Università. Dürer è andato alle classi e Knigstein andò a lavorare. Dürer presto raggiunto fama e genio. Dopo aver venduto alcuni dei suoi dipinti, è tornato per compiere la loro parte nell'affare e consentire che Franz ha iniziato a studiare. Quando si incontrarono nuovamente, Alberto si rivelò dolorosamente alto prezzo che aveva dovuto pagare il partner. Dita delicate e sensibili erano state danneggiate da lunghi anni di duro lavoro. Ha dovuto lasciare il suo sogno artistico, ma egli non si pentono di esso, ma che egli era contento il suo amico e sono stati in grado di contribuire a questo successo.
Un giorno, Alberto sorpreso suo amico sulle sue ginocchia e con le sue mani nodose intrecciati in atteggiamento di preghiera. Immediatamente, l'artista ha caratterizzato uno schizzo che sarebbe diventata una delle sue opere più famose "Mani Orantes".
Abbiamo bisogno di un'educazione che non mira semplicemente a formare la mente, ma anche il cuore e le mani. Sempre aprire le mani per aiutare e il servizio, che mai si chiude a pugno minaccioso e colpire. Lavoro, lavoro, mani che assumono come strumento fondamentale del lavoro di preparazione e cercano l'eccellenza in tutto ciò che fai. Mani che accarezza, che salutano con affetto, che applaudono vince gioiosamente aliene, che dan, ma anche ricevere e apprezzano. Mani che guariscono, dare calore, accorciare le distanze. Mani indurite di servizio e di lavoro. Come Dio:
Dio ha i capelli scompigliati mani sporche vostri odori vestiti di terra e sudore suoi maniere sono ruvide. Sì, perché Dio è nei poveri che abbiamo trovato sulla strada,
il mendicante che l'operaio di callose mani interrompe i nostri passi il ragazzo che vende giornali
il meccanico utilizza grasso.
Dio è in mani callose del lavoratore
intrisa di sudore davanti e
lottando per seminare giustizia
di seminare amore
in mezzo a proteste e ribellioni.
Così Dio,
sempre occupato, costruendo un ideale.
Ma c'è chi immagina
seduto sul suo trono celeste
pulito, sereno, Immacolata
circondato da angeli puri,
e poi pensa che seguire Dio
Egli è a partire dal mondo che li circonda
e camminano sulla riva con le mani insieme,
pulito, tranquillo, felice di vivere lì.
Occasionalmente hanno messo le mani nel mondo
per fare una buona azione
che è più simile a una consapevolezza di tranquillante
e non cercano di nessuna colorazione
evitare la contaminazione con lo sporco
e il loro modo di nuovo andare
convinto che seguire Dio.
Ma dimenticare che Dio ha le mani sporche
e vivere con i poveri
e chi ha voglia di seguirti
È necessario avere le mani sporche.
Dio è qui, con i suoi figli preferiti:
i poveri.
Lei perché se si va avanti? Dio vuole che macchia hai le mani con cui si Dogpile nella storia umana, come si fa la.
Non nascondono in manto di Dio
avere nulla a che fare con chi ti circonda.
Dio combatte nell'uomo di oggi
e ha con te.

* * *

Una leggenda dice che molti anni fa tre bellissime principesse vivevano in una reggia. Una mattina, mentre si cammina da un meraviglioso giardino con fontane e Rose, hanno cominciato a chiedersi quale dei tre ha avuto le mani più belle. Elena, che aveva tinto le dita di rosso tenendo alcune fragole, assicurato che i suoi erano più belli. Antonietta, che era stato tra le rose e le sue mani aveva impregnata di profumo, ho avuto il dubbio che loro erano i più belli. Juana
Egli aveva ottenuto le dita in Crystal Brook e le gocce d'acqua brillavano come diamanti. Lei era anche convinto che le sue mani erano più belli.
In quei momenti, era una ragazza assetata che ha chiesto un'elemosina. Principesse, vedendo la sua sporca e deplorevole, guardare messo faccia di disgusto e andato da lì. Il mendicante è andato a una cabina che era vicino a dove una donna tostato dal sole e mani grossolane e macchiate di lavoro, gli diede una pagnotta di pane.
La leggenda, che il mendicante fu trasformato in un angelo che è apparso il cancello del giardino e ha detto loro principesse:
-Le più belle mani sono coloro che sono disposti a benedire e aiutare i loro compagni.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…