Favole di Esopo: Il leone, Prometeo e l'elefante

Favole di Esopo
e le favole classiche

Favole di Esopo con lezioni e morale

Egli non lo permetterebbe un leone per lamentare di Prometeo.
-Mi hai fatto molto forte e bella, con mascelle con denti buoni e potenti artigli sulle gambe, e io sono l'animale più dominante. Però ho una grande paura per il gallo.
-Che cosa mi accusi per quanto riguarda la luce? Non siete soddisfatti con tutti i vantaggi fisici che hai dato? Tale declino è il tuo spirito.
Prometeo ha risposto.
Seguita il leone deplorando la situazione, a giudicare da vigliacco. Lei poi porre fine alla sua vita.
Fu in questa situazione quando arrivò l'elefante, hanno accolto e cominciarono a chiacchierare. Ha notato l'elefante Leone costantemente in movimento le orecchie, così chiesto la causa.
-Vedete quel piccolo insetto che canticchia a mio intorno?
Ha detto l'elefante, perché se entra in mio orecchio, mi sono perso.
Allora disse il Leone: sarebbe sciocco a farmi morire, essendo a me molto più forte e potente che l'elefante, così come molto più forte e potente è il gallo con la zanzara?


Molte volte, molto piccolo disagio ci fanno dimenticare le grandi cose che possediamo.

Tradotto per scopi didattici