Passa ai contenuti principali

Abete insoddisfatto - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori


C'era un abete, giovane ed elegante, infelici che vivono nella foresta. I bambini pensiero che fosse bellissima e che amava giocare con lui, ma abete pensato solo crescere in fretta; Volevo essere un grande albero, in modo che diventano l'albero di una barca e quindi viaggiare per il mondo e visitare molti paesi. Quindi, se sei stanco, piacerebbe essere un gigantesco albero di Natale che pieno di luci e colori, hanno posto in una grande piazza così tutti lo ammirava. Sempre insoddisfatto, lei era in grado di ascoltare le canzoni degli uccelli e non poteva godere la carezza della brezza, il sole e la pioggia. Solo volevo tagliarlo e portarlo via, per fuggire questa monotonia., come sofferenza l'infelice quando ho visto che erano altri alberi della foresta, senza dubbio meno bella e slanciata che esso! Infine, un giorno, venne un uomo con un'ascia, è stato impostato su di esso, annuì la testa, tagliarlo e lo portò a casa sua. Era Natale e ci l'hanno decorato con luci e scene, e sta morendo all'imbrunire voi scoprire e quindi che all'esterno di giorno per i bambini vengono a raccogliere i regali per... Quando ero già fastidiadisimo di questa monotonia di giorni uguale dove nessuno già elogiato la sua bellezza, si sentiva che un giorno si spogliato di tutte le decorazioni e suo cuore cominciò a battere di emozione perché pensavo che stavano andando a prendere per conoscere altri posti. Per la sua tristezza e delusione, essi si ritirarono dalla casa e lo ha portato in un loft. Esso gli è costato molto accettare che avevano abbandonato e pianto inconsolabile da rabbia e impotenza. Topi provato a consolarlo, proposto a lui per essere suoi amici e fu invitati a giocare e divertirsi, ma l'abete sfortunato pensato che era nato per qualcosa di molto più importante di giocare con alcuni poveri topi e vissuto da soli il loro disincanto. Quando finalmente, qualcuno è venuto a cercarlo, pensato che stavano per impianto nuovo o che portano a viaggiare per il mondo, ma sting in pezzi e legno. "È finita, è finita - potrebbe lamentarsi prima di morire - se vuoi hanno applaudito me quando non potevo ancora!"
(Rivisitazione di un racconto di Christian Andersen)
Spesso accade a noi come un abete del racconto. Desiderosi di vivere il futuro, esausto in piani e piani di più, siamo incapaci di vivere nel presente è tutto quello che abbiamo. Il perseguimento dell'efficienza, accumulare denaro, spiccano e attirare l'attenzione, ci impedisce di godersi la vita. Viviamo sempre secondo il mattino, il futuro, rimandando l'intensità del momento. Vogliamo bambini crescere presto e, quando sono giovani, noi li costringono a comportarsi come adulti. Abbiamo trascorso e fare piani e rinviare la gioia piena del momento presente: quando mi laureo, quando ho la casa, quando vengono i bambini, come crescono, quando si laureano, quando essi convoleranno a nozze... In breve, vita ci sfugge senza inizio di viverla.
Vivere e godere il presente. Questo non è l'irresponsabilità. Al contrario: nulla raccogliere in futuro che non sono piantati nel presente. Sì, è
si propongono di vivere pienamente ogni momento, sarà il tuo futuro essendo pieno. Chi è in grado di vivere nel presente, non può vivere il futuro. Ricerca di pienezza in tutto quello che faccio. Non essere un campione di volo eterno. Vivere intensamente ogni giorno, che vi offre che niente e nessuno sarà preoccupare, né si appanni la vostra gioia. Se avete un problema o disagio si lancia sua bocconcini, digli che, durante il giorno, esso non raggiungerà suo, non ti ignorano. E così ogni giorno, ma solo il giorno. Quando hanno chiesto Santa Teresita de Jesús come potrebbe vivere così volentieri in mezzo a tanti problemi e sofferenze, la santa rispose semplicemente: "è che io vivo solo un giorno ogni giorno. "E nessun eroismo non è necessario vivere in pace e gioia nelle ore che ha il giorno". Tale fu la risposta di San Felipe Neri quando è stato chiesto come doveva essere sempre felice e buon umore in mezzo a tanti pericoli e sofferenze: "È che mi carica solo il peso del momento presente sulle spalle".
Gli antichi romani erano estremamente pratici e aveva due slogan ripetuto continuamente: Carpe diem, che significa, che sfrutta o vive il presente giorno ed età quod agis, cioè ottenere bene quello che devi fare, senza distrarre voi su altre cose...
È da quando ti alzi, vivere la giornata in totale gioia e pienezza, una delizia per tutti voi troverete sul vostro cammino. Dare loro il vostro miglior sorriso, una parola di incoraggiamento, un saluto affettuoso. Vivere la vita che hai debordato gli altri. Vivere il presente in tutta la tua intensità, quanto è l'unica cosa che avete. Egli ricorda la poesia di Borges:

Momenti
Se poteva ancora vivere la mia vita
nel prossimo io cercherei di fare più errori.
Non cercherei di essere tanto perfetto,
rilassarsi di più.
Sarebbe più sciocco che ho;
in realtà, ci vorrebbero poche cose sul serio.
Sarebbe meno igienico.
Sarebbe stato più a rischio,
renderebbe più viaggi,
implicando più tramonti,
solleverebbe più montagne,
Body più fiumi.
Vorrei andare in più posti dove mai sono stato,
mangiare più gelati e meno fave,
Avrebbe problemi più reali e meno immaginari.
Ero una di quelle persone
Chi ha vissuto sensatamente e prolifico ogni minuto della tua vita;
certo, avuto momenti di gioia;
ma, se potessi tornare indietro,
Avrebbe soltanto buoni momenti.
Se non sanno mai, che è fatto solo momenti di vita, non perdere l'adesso.
Ero uno di quelli
mai andato da nessuna parte
senza un termometro,
una bottiglia di acqua calda,
un ombrello e un paracadute.
Se potesse tornare a vivere,
iniziare a camminare a piedi nudi a presto molla e continuerà così a concludere la caduta. Darebbe più giri in giostra, implicando più albe e giocare con più figli.
Se avessi un'altra vita in avanti. Ma, vedete, ho 85 anni e so che sto morendo.
Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…